Spinoza

Un blog serissimo.

Exit Pollon

Grecia, lunghe code ai seggi. Li hanno scambiati per bancomat.

Tsipras: “Oggi la democrazia batte la paura”. E in finale se la vedrà contro la fame.

La lettera firmata da Tsipras è arrivata a Bruxelles a tarda notte. Poi il postino è morto.

Angela Merkel: “Nessun negoziato prima del referendum”. Le piace di più quando dicono di no.

(Il salvataggio della Grecia costerebbe 3 euro a ogni cittadino. Comunque meno di quello di Alitalia)

Vendola, Grillo e Fassina in piazza ad Atene. Adesso siamo noi in debito.

Tsipras ha votato di mattina presto. Non voleva perdere l’aereo.

Varoufakis: “I creditori sono come i terroristi”. Li abbiamo armati noi.

Continua a leggere »

Armiamoci e pulite [parte III]

L’Italicum è legge, le opposizioni lasciano l’aula. Proprio come prevede l’Italicum.

Durante il voto le opposizioni sono uscite dall’aula. Ora non sapremo mai come la pensavano.

Grazie all’Italicum una minoranza potrà diventare maggioranza. È quello che continua a ripetersi Cuperlo per farsi forza.

(Uno degli aspetti positivi dell’Italicum è che un minuto dopo la fine dello spoglio sapremo con certezza su quale carro bisogna saltare)

La nuova legge elettorale entrerà in vigore il 1 luglio 2016. Abbiamo tutto il tempo di diventare renziani.

Renzi twitta una foto mentre firma l’Italicum. Si legge distintamente “Sergio”.

“Ora la barca va”, ha detto Renzi citando Orietta Berlinguer.

L’Italicum ottiene la terza fiducia. Solo Inzaghi è messo peggio.

Fassina arriva con i dissidenti: “Siamo in 30″. Eh, ma allora dovevate prenotare.

I deputati di Sel hanno votato con il lutto al braccio. Poi è arrivata la smentita da Cuba.

Enrico Letta invoca largo consenso sulle riforme. È così che cambiò il paese quella volta.

Continua a leggere »

Armiamoci e pulite [parte II]

Devastante terremoto in Nepal, oltre 7500 morti. Ma è così lontano che qua non ha riso nessuno.

Tra le vittime del sisma anche quattro italiani. Che poi è il motivo per cui se ne parla.

Scomparso anche un manager di Google. Però lo hanno trovato subito.

Neonato ritrovato vivo tra le macerie dopo 22 ore. Peccato che i cani da soccorso fossero a digiuno.

Anche il marò Girone ha avvertito il terremoto. Ma non il pescatore.

A Kathmandu crolla una torre patrimonio Unesco. “JENGA!”

(Il sisma ha sollevato Kathmandu di un metro. Ora di sera fa freschino)

Acqua, elettricità, cibo: in Nepal manca tutto. Eppure vanno avanti da secoli.

Gentiloni al governo nepalese: “Aiuti per trecentomila euro”. Ma ti sembra il momento di chiedere?

Continua a leggere »

Post precedenti