Spinoza

Un blog serissimo.

Control, alt, canc

In tre sul motorino, carabiniere spara e ne uccide uno. “Ok, ora siete in regola”.

Diciassettenne napoletano non si ferma all’alt e viene ucciso. Però la reputazione è salva.

Il fratello: “Davide guidava uno scooter non suo, non era assicurato e non aveva il patentino”. A Napoli sta per “Era un ragazzo normalissimo”.

A Napoli si manifesta contro lo Stato. Sempre a prendersela con gli assenti.

Alfano: “I cittadini non devono vedere lo Stato come un nemico”. Prendano esempio dalla mafia.

Il carabiniere ha rischiato il linciaggio da parte della folla. Che viaggiava su un altro motorino.

Molti testimoni affermano “Gli ha sparato alle spalle” ma le perizie li smentiscono. Bisogna capirli, il loro ramo è l’RCA.

(Napoli è una città strana. O nessuno ha visto niente o tutti hanno visto tutto)

La ricostruzione del giovane carabiniere: “Non ho puntato la pistola, sono inciampato ed è partito un colpo”. La solita fortuna dei principianti.

Continua a leggere »

Flop gun [parte seconda]

Si aggrava la situazione in Iraq. Il M5S ha detto la sua.

Di Battista: “L’obiettivo politico dell’Isis ha una logica”. Sì, il loro sì.

Secondo il deputato M5S “Farsi saltare in aria è l’unica arma rimasta a chi si ribella”. Ma no, povero Civati.

“Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato, ho una sola strada per difendermi”. Colpire la Clementoni.

Il Pd critica l’apertura di Di Battista verso i terroristi. E loro di kamikaze ne hanno visti passare.

I grillini sul web invitano a leggere tutto il post di Di Battista. Prima di votare la prossima volta.

Sul blog di Grillo si prova a fare chiarezza. 9,90 euro spedizione esclusa.

La Lega Nord contro Di Battista. Allora lo abbiamo male interpretato.

Il boia di James Foley sarebbe un rapper. Infatti compare armato in un video.

Il giornalista americano sarebbe stato decapitato a telecamere spente. Ehi, ma questa è censura!

Precipitano due aerei militari italiani. “Ma non toccava a te fare benzina?”

Continua a leggere »

Flop gun [parte prima]

L’Isis uccide un giornalista. Loro preferiscono il monologo.

Tagliata la testa a un giornalista americano. Ora è un giornalista italiano.

I terroristi hanno decapitato James Foley “per inviare un messaggio a Obama”. Gli Usa devono sapere che hanno dei bravi arrotini.

L’Isis impone un ultimatum: “Convertirsi all’Islam o pagare una tassa”. Quindi potrebbe farsi largo nel trevigiano.

Il boia del reporter potrebbe essere inglese. Si è capito quando ha messo la testa a bollire.

Obama: “Nessun Dio potrebbe mai giustificare un atto del genere”. A parte quello del Vecchio Testamento.

L’Isis rapisce 500 donne cristiane per renderle schiave. La trappola è sempre quella della scia di ostie per terra fino alla rete.

Tra gli arruolati dell’Isis ci sarebbero anche italiani. Lo si evince dai molti jihadisti accompagnati dalla mamma.

Continua a leggere »

Post precedenti