Spinoza

Un blog serissimo.

L’impero colpisce ancora [parte terza]

Riforma del lavoro, le minoranze del Pd presentano sette emendamenti. Uno ciascuna.

Cuperlo e Bersani criticano il governo. Tra un bicchier di whisky ed un caffè.

Bersani sull’articolo 18: “Il reintegro esiste in tutta Europa”. Non si è ancora rassegnato.

Grillo propone un’alleanza a Bersani per far cadere Renzi. Ora manca solo una macchina del tempo.

Bersani: “Renzi sta governando con il mio 25%”. Tranquillo, quando ha finito te lo ridà.

Il discorso di Renzi all’Onu è stato interrotto più volte dagli applausi. I suoi.

Lettera di Renzi ai militanti di sinistra. Per fortuna non è uscito baciare.

Renzi: Non sarò la foglia di fico della vecchia sinistra”. Eppure le stai proprio sul cazzo.

Il premier: “Io sto con chi si alza presto la mattina”. Di solito arriva dopo caffè e sigaretta.

Bonanni lascia la guida della Cisl. Finalmente fa qualcosa per i lavoratori.

(Bonanni ha passato una vita nel sindacato. Per questo lo vedete così riposato)

Continua a leggere »

L’impero colpisce ancora [parte seconda]

Il Papa in Albania. Dove devo firmare?

Papa Francesco è arrivato a Tirana. Chissà che corso di laurea ha scelto.

Il monito del pontefice agli albanesi: “No all’idolatria del denaro”. In Svizzera se la prenderà con gli scafisti.

Il Papa: “Basta con l’idolatria, la falsa libertà individualista, le dipendenze e la violenza“. Insomma, diventate atei!

“Nessuno pensi di usare Dio come scudo”. Tanto i proiettili gli passano attraverso.

Il Papa abbraccia un sacerdote vittima di torture. “Piano oh!”

Offensiva Usa in Siria, uccisi tre bambini. “Sì, ma piccoli”.

I bombardamenti in Siria arrivano in coincidenza dell’Assemblea generale dell’Onu. È la cerimonia di apertura.

Gli Usa hanno bombardato con l’appoggio del regime siriano. “Poi tornate a fare i cattivi però”.

Continua a leggere »

L’impero colpisce ancora [parte prima]

Gli scozzesi rinunciano all’indipendenza. Prima devono imparare a vestirsi.

Finalmente la Scozia ha avuto il suo referendum. Hanno usato il retro delle schede del divorzio.

Il popolo scozzese si è espresso: “No all’indipendenza dal Regno Unito”. C’è voluta tutta la notte per capirlo.

Gli scozzesi hanno votato NO alla domanda “Should Scotland be an independent country?”. Che in italiano suonerebbe “Sei favorevole all’abrogazione dell’art. 87236/53A che regolamenta i limiti della sovranità dei territori a nord del Vallo di Adriano?”

Altissima l’affluenza alle urne. Succede quando le alternative sono diverse tra loro.

Il referendum nasce da profonde cause sociali, storiche e politiche. “Non ce ne fotte un cazzo del Royal Baby!”

È scozzese l’uomo che scoprì la penicillina dalla muffa. Mentre pensava a come cucinarla.

Continua a leggere »

Post precedenti