Spinoza

Un blog serissimo.

Tout est condonné

Terrore a Ischia. C’è un edificio non condonato.

A Ischia numerosi crolli per un sisma di bassa intensità. Eppure l’isola aveva resistito ai tuffi della Merkel.

(Caldo, attentati e terremoti: ormai le estati si assomigliano tutte)

I sindaci dell’isola protestano: “È sbagliato collegare l’abusivismo ai crolli”. Casomai collegateci le elezioni.

Secondo molti ischitani l’abusivismo non c’entra con i danni. “Non può crollare una casa che non esiste”.

11 mila persone hanno già lasciato Ischia. Sono per lo più geometri.

Anziana muore schiacciata da una chiesa. Proprio come è vissuta.

(Nel frattempo, a Charlie Hebdo stanno imparando a disegnare la pastiera)

L’INGV aggiorna la magnitudo da 3,6 a 4,0. Hanno osservato meglio il lampadario.

Per andarsene da Ischia i turisti hanno dovuto pagare il traghetto. Evidentemente la biglietteria era costruita bene.

Un geologo: “A Ischia case di cartapesta”. È il paradiso del wi-fi.

Negli ultimi trent’anni il Comune di Ischia ha ricevuto 7.235 domande di condono. E rispondere è cortesia.

(Ma se questi di Ischia alzavano una casa nell’arco di una giornata, perché non li mandiamo ad Amatrice?)

Il vescovo: “L’abusivismo non è la causa dei crolli”. Eh, ma così resta solo Dio.

Evacuato l’ospedale di Ischia, restano solo cinque pazienti. Quelli nei letti portanti.

Mattarella esprime cordoglio. Solo a guardarlo.

Il governo tranquillizza i terremotati: “Diamo un’ultima sistemata in Irpinia e arriviamo”.

Tre fratellini di Ischia sono rimasti intrappolati per ore. Sono sopravvissuti mangiando le macerie di marzapane.

La casa dei tre fratellini aveva due piani in più del dovuto. Ai piccoli il Lego piaceva davvero tanto.

Il piccolo Ciro racconta di aver incoraggiato i fratellini. “Forza con quella betoniera!”

In attesa dei soccorsi i tre hanno passato il tempo giocando alla morra cinese. Usciva sempre “sasso”.

La mamma dei tre bambini estratti dalle macerie è incinta. Un ottimo metodo per combattere la tensione.

Sabrina Ferilli in vacanza a Ischia: “Non rinunciate al vostro soggiorno”. Le offerte terminano domenica.

(Tranquilli, non lasceremo che il terremoto modifichi il nostro stile di vita! Continueremo a costruire alla cazzo)

Dopo questa tragedia a Ischia non sarà semplice la ricostruzEHI, MA QUELLA CASA PRIMA NON C’ERA!

* * *

Autori: notturnoconcertante, rocco gazzaneo, ordinary madness, xanax, abkualcosa, maurizio neri, il mago di floz, comagirl00, semola, a.mazed, rostokkio, montales, acid rain, luca’s jokes, paguro_bernardo, giga, mej de oter, george clone, ghiaccio-nove.

Illustrazioni: here to avenge laika, sciscia.

Commenti

27 agosto 2017 • 11 commenti

Feed dei commenti a questo post. Sia i commenti che i ping sono chiusi.

11 commenti a “Tout est condonné”

1 • ordinary27 agosto 2017 alle 14.05

comagirl/semola meravigliosa.

(Erano più belli i post di quando il terremoto era movimento underground)

3 • pora pure Ischia27 agosto 2017 alle 19.21

Ottime davvero. Geometri lasciano Ischia, rispondere è cortesia, Mattarella cordoglio solo a guardarlo grande anche l’ultima giusto per citarne alcune. Speriamo che chi costruisce capisca che con il terremoto ci puoi scherzare solamente così.

7 • leonpez28 agosto 2017 alle 5.52

Siete impagabili!”schiacciata da una chiesa così come era vissuta” è meravigliosa.

11 • stein2 settembre 2017 alle 9.30

schiacciata da una chiesa così come era vissuta”…….ecco una buona ragione per essere ateo!!!!