Spinoza

Un blog serissimo.

Pescatori di uomini

Ennesima tragedia a Lampedusa. Eppure il Papa era stato chiaro.

Strage di migranti al largo di Lampedusa, oltre trecento vittime. Abbiamo una rigida selezione all’ingresso.

Morti e dispersi nel naufragio di un barcone di profughi africani. Ci voleva, dopo tutta questa politica.

Il racconto dei migranti: “Il viaggio della morte ci è costato 500 dollari”. E per alcuni non ha nemmeno funzionato.

(Lunedì scorso c’erano già stati 13 morti a Scicli. Così pochi che non sto nemmeno a spiegarvi dov’è)

La Procura: “Nessun ritardo nei soccorsi”. Funziona proprio così.

Proclamato il lutto nazionale. E, per i più sensibili, tergicristalli a mezz’asta.

Enrico Letta: “Tragedia immane”. Questa la versione definitiva del labiale.

Il premier: “Da oggi le vittime di Lampedusa sono cittadini italiani”. Devono solamente firmare qui.

I morti di Lampedusa sono italiani a tutti gli effetti. Visto che non danno più segni di vita.

(Le vittime di Lampedusa sono cittadini italiani. I superstiti ora conoscono la procedura)

I superstiti indagati per immigrazione clandestina. Per tutti gli altri a posto così.

Alfano in visita a Lampedusa. Ora spetta a lui dire che compra una villa.

Alfano: “Farò la voce grossa con Barroso”. Mo’ c’ha preso gusto.

“Purtroppo a bordo della nave affondata non c’era nessun cellulare”. Ci faremo bastare i denti d’oro.

Il ministro dell’Interno invita alla cooperazione le polizie dei paesi di origine. Giusto, ammazziamoli a casa loro.

Alfano: “Eliminare la Bossi-Fini non serve”. Ma sarebbe divertente togliere l’articolo.

(Secondo Alfano non serve eliminare la Bossi-Fini. Basterà ribattezzarla Flic e Floc)

Alfano: “Barroso me lo ha promesso, verrà a Lampedusa“. Va bene, però ora mangia.

Lampedusa sarà candidata al Nobel per la Pace. Ma per vincerlo dovrà bombardare Malta.

(Lampedusa candidata al Nobel per la Pace. Dopo quello per la Fisica negato a Ustica)

Gli uomini della Capitaneria filmavano i naufraghi anziché soccorrerli. Ma quando uscirà la fiction li ringrazieremo.

Alcuni testimoni raccontano che la Capitaneria filmava i naufraghi. “Fateme mori’ quer negretto a destra!”

I pescatori lampedusani che soccorrono i migranti saranno indagati per favoreggiamento. Questa è la parte che ha scritto Bossi.

Umberto Bossi: “La Kyenge vada a quel paese”. La notizia è il congiuntivo.

Il commissario Ue Malmström: “Bisogna intensificare gli sforzi contro chi sfrutta a proprio vantaggio la disperazione umana”. Ce l’ha con Cicchitto.

Il sindaco di Lampedusa: “Questi corpi aprano gli occhi a tutti”. No dai, ancora cinque minuti.

Sospesi per lutto i programmi di Barbara D’Urso e Carlo Conti. Quelle persone non sono morte invano.

Adesso il dovere morale di un popolo civile è non dimenticare mai le vittime di LampCAZZO VAI BERLUSCONI DECADUTO FIGATA!

Pronto il piano europeo anti-immigrazione. “Cazzi vostri”.

* * *

Autori: giga, pol1000, dai oh, kyle katarn, hurt, novevonbismarck, benze, misterdonnie, carlosls, starrynight, pirata21, miguel mosè, zebaldo, caparezza17, pantxoramas, renudo, bean, barabba superstar, milingopapa, zip, il mago di floz, goemon ishikawa e dan11.

Commenti

5 ottobre 2013 • 111 commenti

Feed dei commenti a questo post. Sia i commenti che i ping sono chiusi.

111 commenti a “Pescatori di uomini”

12 • Euge5 ottobre 2013 alle 20.02

pochi moralisti nei primi dieci commenti quando sono gli immigrati a morire eh? chissà perchè non mi stupisco..

18 • kelinusau5 ottobre 2013 alle 20.45

un po’ piu’ bravini degli ultimi post .
Milingo bravissimo per il commento.

20 • alcafar5 ottobre 2013 alle 22.16

Grande caparezza (denti d’oro e bombardare Malta) e misterdonnie (Berlusconi decaduto).

NON E’ CHE VOGLIO ROVINARE TUTTO EH, LA BATTUTA IN SE’ E’ MOLTO BELLA. PERO’ “VADA” NON E’ CONGIUNTIVO, E’ IMPERATIVO. OK, HO ROVINATO TUTTO :(

25 • Francesco6 ottobre 2013 alle 8.04

Alfano: “Barroso me lo ha promesso, verrà a Lampedusa“. Va bene, però ora mangia.
La migliore x me, forse perche’ ho 2 bambini piccoli.

27 • 'lfoda6 ottobre 2013 alle 9.00

Alta squola (come direbbe il nr.23). Floz in gran forma, ma tutti, nessuno escluso, bravissimi.

28 • MaxTheTav6 ottobre 2013 alle 11.19

La Procura: “Nessun ritardo nei soccorsi”. Funziona proprio così.
Sarò tardo, ma non la capisco: me la spiegate?

Congiuntivo, togliere l’articolo, Ustica e penultima: rallegrano la domenica piovosa.

31 • 1 che non ha capito la 16 ottobre 2013 alle 11.45

@maxTheTav

nella più semplice delle interpretazioni:
i soccorsi arrivano normalmente tardi

poi ne puoi fare di più ciniche

continuo a non aver capito la 1

37 • Enrico6 ottobre 2013 alle 15.24

Floz sei stato il migliore (secondo me…)
anche se non mi piace fare differenze

39 • Miki6 ottobre 2013 alle 16.27

Per la pace postumo a Gheddafi per missile Lampedusa diretto a (fisica anche-vista la precisione). Sbaglierei?

40 • cayenna6 ottobre 2013 alle 16.46

@1 che non ha capito la 1: il Papa aveva detto lo scorso luglio a Lampedusa “Mai più morti in mare” (vedi il thread “Porgi l’ altra plancia”)

41 • cayenna6 ottobre 2013 alle 16.56

@Miki:
Direi possibile anche un aggancio alla sceneggiata bomba-missile per il DC-9 dell’ Itavia.

42 • zebaldo6 ottobre 2013 alle 17.09

Per la prima volta una mia battuta finisce in un post! Son soddisfazioni! :)
Thanks!

44 • Donna Felicità6 ottobre 2013 alle 22.32

Grande post! Bravissimi!
Amarissimo come è giusto che sia.

Grande zebaldo.

45 • barabba7 ottobre 2013 alle 0.28

@25 Francesco
Se ho capito chi sei: via da spinoza e corri a cercarmi un posto da sceneggiatore.

46 • Vanni7 ottobre 2013 alle 4.29

@Al
se metti un “che” ad inizio frase è congiuntivo:
“Che la Kyenge vada a quel paese”,da cui la battuta,
visto che la frase,sarebbe altrimenti imperativa.

49 • hurt7 ottobre 2013 alle 10.42

@46 Vanni

La presenza di un “che” esplicito penso sia irrilevante per stabilire se sia congiuntivo o imperativo. Conta l’intenzione con cui l’ha detto Bossi e, dato lo stato mentale del personaggio, è giusto che siano le esigenze della battuta a stabilire il tempo verbale.

E’ proprio vero non capisco un cazzone. Dopo le battute per l’incidente di Simoncelli, tanto per fare un esempio, tutti a criticare il diritto di satira, o a difenderlo, chè tanto è lo stesso. I “negretti”, invece, si prestano perfettamente allo stesso identico diritto di satira. boh, siete proprio delle merde.

54 • giulioenrico7 ottobre 2013 alle 14.11

Kerry & Lavrov “Gia’ ieri alcune armi chimiche sono state distrutte”. La novita’ dove sarebbe? Lo fan gia’ da tempo e in diversi quartieri

55 • papollo7 ottobre 2013 alle 14.21

ok dopo 52 commenti neanche un “non si scherza quando ci sono dei morti”…
devo dire che Milingopapa alla #14 ha ragione…

devo dedurre che i moralisti del cazzo e i razzisti di merda sono le stesse persone

lo sapete che alla maggior parte della gente non importa assolutamente niente di Lampedusa ?se sfiori l’argomento ,incominciano subito a parlarti dei proprii malanni o del cattivo tempo,provare per credere !

60 • PaoloM7 ottobre 2013 alle 19.21

Parafrasando la XX: Lampedusa sarà candidata al Nobel per la Pace. Ma per vincerlo dovrà attaccare la Kamchatka ed eliminare tutte le armate nere.

61 • hurt7 ottobre 2013 alle 19.33

@59 brezzza

Le storie in effetti sono due: congiuntivo e imperativo. Nessuna delle due più giusta dell’altra, se estrapolate dal contesto o, meglio, dall’intenzione.

62 • brezzza7 ottobre 2013 alle 19.56

@61: il congiuntivo esortativo rimane morfologicamente un congiuntivo e non diventa imperativo. si imparenta solo semanticamente con l’imperativo ,in quanto ‘gentile comando’,'invito a…’.
ciao

64 • hurt7 ottobre 2013 alle 20.18

Non è che il congiuntivo “diventa” imperativo. Semplicemente, i due modi verbali hanno forma identica per la terza persona – tempo presente.
Ergo, la stessa frase ha due sfumature diverse (esortazione oppure comando) in base al modo che si sceglie, che non è desumibile dalla frase in forma scritta e decontestualizzata.
Per la battuta, fa ridere solo se si sceglie di interpretarla come congiuntivo, per ovvie motivazioni culturali.

67 • MarcoPol7 ottobre 2013 alle 23.09

Si ciao, sono un rompiballe, volevo dire: ma chemminchia di titolo è?
Cioè è un gioco di parole?
E basta?
E allora resta solo macrabo, neanche umorismo nero, è di bassa lega…
anzi: fosse, sia, esseia di bassa Lega…

68 • barabba8 ottobre 2013 alle 1.20

Ciao MarcoPolPot
Se hai, facciamo, meno di vent’anni, è comprensibile che non ti dica niente il titolo, il mio nick, o come ti ho chiamato qua sopra.
Se ne hai di più li hai evidentemente spesi a contribuire all’involuzione culturale del paese di questo ventennio.

69 • danilo8 ottobre 2013 alle 4.28

La penultima è fantastica perché fotografa meglio si qualunque analisi lo stato dell’informazione: in 2 giorni, ciò che era notizione diventa articoletto di fondo…

Ad esempio, sul corriere.it di oggi a momenti non trovavo la notizia del drammatico affondamento della nave di clandestini a Lampedusa… era infatti in fondo, dopo, tra le altre notizie, Miss Italia su La7 nonostante Mentana, un pugile USA il più pagato al mondo, Microsoft cerca il nuovo CEO, etc…

71 • Il mago di Floz8 ottobre 2013 alle 10.05

@70. Un post di Schopenhauer del 25 settembre sull’arresto della figlia e del genero di Mangano.

72 • steve8 ottobre 2013 alle 10.19

@barabba
ok, ma definire “cultura” il vangelo di luca mi pare davvero troppo generoso.

73 • brezzza8 ottobre 2013 alle 12.24

@Hurt l’imperativo non ha la terza persona,nè sing nè plurale.
Il congiuntivo esortativo ha in sè il valore di un invito ,non di un comando.
bye

74 • barabba8 ottobre 2013 alle 14.38

for steve (4s?)
Stavo pensando a un’intervista di Paolo Rossi in cui si lamentava che nessuno più insegnasse religione decentemente (perché, è stato mai fatto?), rovinando così i suoi spettacoli. Ad esempio nessuno rise quando raccontava che Abramo, portando Isacco sul monte Moriah (e già il nome è un programma), si sente dire dal figlio “Babbo, ma qui fa buio, ho paura”, e Abramo: “Eh, dillo a me che devo tornar da solo”.

Come disse Luttazzi: più sai più ti diverti.

76 • hurt8 ottobre 2013 alle 19.50

@brezzza

Di fatto l’imperativo ha fatto sue quelle forme verbali. Così come per la seconda persona ha mutuato le forme ora del congiuntivo, ora dell’indicativo.

77 • ChaosMusic8 ottobre 2013 alle 19.51

Tanto sperduta Scicli non è :D
Ci girano praticamente mezzo Montalbano da sempre…

79 • MarcoPol8 ottobre 2013 alle 22.54

@barabba… … … vabè …
dal titolo non esce una critica alla cristianità, che sarebbe stata satira vera e propria.

Come dicevo, è solo un puro gioco di parole (se non ci fosse stata la parabola non sarebbe nemmeno stato un gioco di parole):

pescatore di uomini, inteso col senso degli apostoli, e pescatori di uomini nel senso dei pescatori che si trovavano là e anche dei tecnici che tirano su cadaveri con la necessità di uno psicologo.

La battuta si sarebbe salvata se avesse dato luogo a una critica al cristianesimo, ma detta così ne esce quella che Luttazzi chiama “battuta fascistoide”, cioè un battuta che ride delle disgrazie altrui e basta

80 • brezzza9 ottobre 2013 alle 13.29

con quel ”di fatto” non cambi la regola. sono certa che adesso si può anche controllare un libro di grammatica. i sani dubbi fanno andare oltre le incertezze.

82 • ANSiA.it9 ottobre 2013 alle 17.50

Non c’è solo la Bossi-Fini.
Esponente della Lega picchia il premio Nobel per la Fisica, si giustifica dicendo: “Quel busone di Higgs !!”

85 • luco10 ottobre 2013 alle 7.36

fra tutti i buonismi e le parole belle sentite sui media Spinoza si distingue alla grande…. praticamente sono tutte formidabili!

86 • Brunero10 ottobre 2013 alle 9.29

Commento dedicato a tutti coloro che criticano la satira ma usano liberamente il turpiloquio:
Egregi Signori,
oltre a non capire la differenza tra satira e mancanza di rispetto per chi ha subito un danno anche mortale, oltre a non riconoscere l’utilità della satira come efficace strumento per portare l’attenzione su determinati argomenti,
al di là del fatto che, piuttosto che prendere atto di certe cose che sono patrimonio di tutti (la satira, appunto) preferite bellamente continuare a dormire,
se insultate chi non la pensa come voi siete semplicemente dei maleducati o, forse e peggio, siete complici di chi odia la satira in quanto colpisce i propri interessi.
Buon sonno a tutti.

87 • hurt10 ottobre 2013 alle 9.40

@brezza, più che di “regola”, si tratta di colmare una lacuna. Le lingue evolvono. Prospetti di coniugazioni verbali su fonti online (non sempre da fonti affidabili, in verità) accreditano all’imperativo anche la terza persona s. e p. e la prima plurale. Su Treccani si dice che per la terza persona “si usa” il congiuntivo, su Zanichelli – al contrario – che l’imperativo “fa sue” le forme del congiuntivo.
Io, personalmente, propendo per la seconda modalità, per il completamento del modo deputato a comandare/esortare.

88 • scoobidoo10 ottobre 2013 alle 13.54

per entrare nella disputa da accademia dei lincei su “vada”,vorrei sottolineare a tutti gli ignorantoni del web che l’imperativo di “andare” è “vadi”, come può affermare chiunque abbia un pò di cultura cinematografica di alto profilo (Fantozzi contro tutti)

89 • Oscar Rafone10 ottobre 2013 alle 20.24

ma cos’è un doposcuola o un blog satirico?maestrine e maestrini prendete la matita rossoblu e infilatevela.

Molto belle e dure, davvero. Ma non commento per questo, commento perché nei commenti si sta offendendo l’italiano oltre ogni ragionevole limite. Vada è un congiuntivo, non ci sono santi. L’imperativo ha solo due persone: seconda singolare e plurale (non ha senso comandare se stessi o chi non è presente). Quello nella frase in discussione è un congiuntivo indipendente, per essere precisi un congiuntivo esortativo, come ha già detto qualcuno. Scusate, ma da insegnante di italiano non ce la facevo a non dire niente!
PS: e badate che non è un punto di vista, né una sfumature né altre baggianate, è grammatica, è così. Punto.

91 – Anna wrote:
“non ha senso comandare se stessi o chi non è presente”

A parte il fatto che la terza persona può essere presente (cosa c’entra la presenza?), il congiuntivo esortativo serve proprio per comandare/esortare la terza persona, quindi ha senso eccome dare un’ordine alla terza persona.

Immagino che a Lampedusa, la sera che trovarono i 200 morti, vi sia stato una percentuale bassissima di masturbazione. qundi se hai più di 150 cadaveri, morti di recente, a meno di 5km da casa sarebbe meglio rimandare la masturbazione di qualche giorno…

tratto da: Dalla parte di Borges…

97 • Gabriele12 ottobre 2013 alle 1.21

Eppure è facile: se si prendono in giro gli aguzzini è satira, se si prendono in giro le vittime è violenza verbale. Non ci arrivate?

98 • Miki12 ottobre 2013 alle 9.52

Esimi,scusate,ma a chi cale del congiuntivo ottativo? E perchè non obliquo allora? Come fosse antani intendo

Visto che non voglio usare Wikipedia come fonte (dove l’imperativo alla terza persona è citato), ho fatto una ricerca delle parole chiave in Google.

da “Gramatica della lingua italiana”
Ferdinando Bellisomi (1837)

(e-book scaricabile gratuitamente da Google Play)

“la voce finita in a [...] per gli altri verbi serve per la terza persona singolare dell’imperativo [...]

e ancora:

“la voce finita in ano [...] forma la terza plurale dell’imperativo e del congiuntivo presente”

100 • barabba12 ottobre 2013 alle 21.01

Per me ha ragione il Miki, senza contare che il Sabatini Coletti ha perso i lemmi col tarapìa tapiòco

101 • alberuto14 ottobre 2013 alle 14.55

vergognatevi! In un momento così fare battute su Cicchitto è di un’insensibilità e di un cattivo gusto che mi fate vomitare

103 • jacobin15 ottobre 2013 alle 9.31

Fate la miglior satira in Italia, e questo post lo dimostra. Il problema è che oggi, 15 ottobre, sono dieci giorni che non pubblicate un cazzo. Sui social trovo un paio di battute abbastanza merdose di tanto in tanto. Ormai anche voi siete diventati come il paese che raccontate: tanto potenziale sprecato. Vedete voi se è il caso di continuare così. La cosa più patetica è vedere come recuperate in ritardo eventi che un tempo avreste commentato a spron battente. Come si dice nel mio lavoro, bisogna stare sul pezzo.

105 • Miki15 ottobre 2013 alle 11.24

Stimabileespettabile redazione* di Spinoza volevo solo segnalarVi che priebke (quello famoso)l’è mort da pusèe mo’:prima che lo seppelliscano nel museo privato di Licio Gelli potreste pubblicare un post sull’argomento? Distinti

(*come se sti 4 barboni avessero pure una redazione)

108 • brezzza17 ottobre 2013 alle 18.42

Hurt,ma tu davvero davvero dici? te ne esci con una grammatica di due secoli addietro? se è per questo Leopardi allora scriveva ”il zappator” ed oggi è grave errore.
così come è grave errore scrivere come tu poco sopra ” un errore” con apostrofo.

109 • Hurt18 ottobre 2013 alle 12.29

@108

1. Non sei brezzza, scrivi troppo male.

2. Non ho scritto “un errore” con l’apostrofo (indicami il numero del commento, scommetto che non puoi farlo).

3. Se 200 anni sono troppi, vai a pagina 84 del testo seguente, che è di qualche anno fa. Come vedi, anche lì c’è la terza persona dell’imperativo.

“S.O.S. Lingua. Manuale di pronto soccorso per l’uso corretto dell’italiano” di Giorgio De Rienzo.

4. Vai a cagare, cordialmente :)