Spinoza

Un blog serissimo.

L’importante è finire

(È stato un anno meravigl… no, niente. Comunque, questo è il nostro riassunto, arricchito dalle illustrazioni di Colorz. Grazie a tutti e buon anno)

* * *

Gennaio 2014

Renzi incontra Berlusconi nella sede del Pd. Quindi in campo neutro.

I militanti di sinistra protestano: “Quell’uomo non dovrebbe mettere piede nella sede del Pd”. Allora perché l’avete eletto segretario?

Da Fiat e Chrysler nasce FCA. Se vi piace fate una RCA.

Marchionne sposta la sede legale di Fiat ad Amsterdam. Per stare più vicino a sua madre.

Piemonte, i giudici ordinano di ripetere le regionali di quattro anni fa. Proprio adesso che stavamo finendo di scontarle.

Parlamentare di Scelta Civica prende a schiaffi una deputata grillina. Ma quelli servivano quando era piccola.

Rieti, suora arriva in ospedale dolorante e partorisce. È così che nascono i chierichetti.

Continua a leggere »

Il lungo addio [parte terza]

[qui la prima parte]
[qui la seconda parte]

Renzi elenca i successi del governo. “Sarò breve”.

La conferenza stampa di fine anno di Renzi al centro del dibattito politico. “Per il capricorno che ha detto?”

Renzi: “Mi sento come Al Pacino”. Grande attore, mediocre regista.

Il premier: “Quest’anno i reati sono calati del 7,7%”. Ma dal 2015 tornano gli incentivi.

Renzi: “La parola del 2015 è ritmo”. Un licenziamento ogni due minuti.

Renzi: “Sul Quirinale niente ping-pong”. Allora ritiro la mia candidatura.

Berlusconi potrebbe non opporre veti al candidato del Pd. Alla sua età gli sforzi inutili vanno evitati.

“Potrei non opporre veti a un presidente del Pd”, ha detto Berlusconi iscrivendosi al Pd.

Continua a leggere »

Il lungo addio [parte seconda]

Il governo vara il Jobs Act la vigilia di Natale. È la versione italiana di Una poltrona per due.

Abolito l’articolo 18. Me ne sono accorto dalla folla di imprenditori che mi insegue per offrirmi un lavoro.

Berlusconi: “Renzi usa le mie ricette”. E grazie, sta sempre a mangiare a casa tua.

(Renzi è proprio un leader triste: realizza il programma di Berlusconi scopando quanto Bersani)

“È dittatura alla vaselina” ha detto Grillo svelando l’ingrediente segreto.

Fumata nera per il presidente greco. Ah, era sul traghetto?

Il Papa: “Prego per i passeggeri della nave in fiamme e per quelli dell’aereo malese”. Insomma una domenica di superlavoro.

Cinque le vittime accertate. Hanno mandato un selfie a Repubblica.

Sembra che il traghetto italiano non fosse in regola con le dotazioni di sicurezza. Sul cruscotto risultava mancante la calamita “Padre Pio proteggimi”.

Continua a leggere »

Post precedenti