Spinoza

Un blog serissimo.

Motrice islamica [parte II]

Gli Usa bombardano la Libia. L’obiettivo è finire i missili prima che eleggano Trump.

L’azione di attacco è stata richiesta dal capo del governo al-Sarraj. L’eventuale Nobel per la Pace spetta a lui.

(Il governo libico ha chiesto agli Usa di bombardare Sirte. Che è un po’ come quanto ti ubriachi e chiami la ex)

Il nome in codice dell’operazione militare è “Odyssey”. Almeno sappiamo quanto durerà.

Un documento top secret rivela che le truppe italiane sono già in Libia. O forse non sono mai tornate.

Il Pentagono: “Nella guerra in Libia l’Italia avrà un ruolo decisivo”. Ospitare i profughi.

L’Isis colpisce a Nizza. Si trattano bene.

Un tir è entrato nella zona pedonale scatenando il panico. Da noi non ci avrebbe fatto caso nessuno.

L’attentatore sterzava di continuo per colpire più persone possibile. O forse stava solo cercando parcheggio.

Il racconto di un cuoco italiano: “Ho visto il terrore puro”. Guardando gli ordini dei turisti tedeschi.

Per salvarsi alcune persone si sono buttate in mare. Ora sono sugli scogli a spiegare che sono francesi.

Le telecamere rivelano che l’autista ha parlato con gli agenti prima di entrare nell’area pedonale. “Faccio una strage cinque minuti e vado via”.

Il killer è riuscito a passare i controlli dicendo di dover consegnare dei gelati. Stanno ancora cercando dove li abbia nascosti.

(La sera dell’attentato c’era solo una pattuglia di vigili in servizio. Sembrava Roma a capodanno)

Sembra certo che l’attentato abbia matrice islamica. Nel camion è stato trovato un calendario di Maometto.

Il camionista è stato ucciso. Non prima di urlare “La vostra invidia è la mia forza”.

Per tutta la notte il bilancio delle vittime è aumentato. Poi qualcuno ha tirato il freno a mano.

Perquisita la casa del killer. Per vedere se nascondeva altri camion.

L’assassino di Nizza andava da uno psicologo. Che adesso va da uno psicologo.

Pare che Mohamed Bouhlel frequentasse locali gay. Durante la strage gridava “Allah è favoloso!”

I vicini dei Bouhlel dicono che non pregava mai. Insomma sembrava un tipo a posto.

Il terrorista aveva con sé delle armi finte. Forse abbiamo trovato l’autore dell’attentato a Belpietro.

Bouhlel era solito cercare sul web video di incidenti mortali e immagini cruente. Poi ha impostato Repubblica.it come homepage.

La rivendicazione dell’Isis è arrivata solo dopo due giorni. In questo periodo sono oberati di richieste.

Donald Trump rivolge un pensiero alle vittime. “Se avessero avuto un camion si sarebbero potute difendere”.

Bimbo disperso di 8 mesi ritrovato grazie a Facebook. Visto che efficienza la rete di pedofili?

Secondo gli inquirenti l’attentatore era depresso a causa del divorzio. Oppure era il suo modo di festeggiare.

Sulle spiagge di Nizza torna la voglia di normalità. “Raccogli quelle due braccia e facciamo le porte”.

Alfano eleva al massimo il livello di allerta. Presentandosi in pubblico.

Nel 1980 la strage alla stazione di Bologna. Ma quando finisce questo minuto di silenzio?

Mattarella: “Dobbiamo raggiungere la verità”. Per rendere la gara più interessante le abbiamo dato 36 anni di vantaggio.

Anche gli islamici in piazza contro la strage di Bologna. Ormai pensano di doversi dissociare da qualunque cosa.

Maria Elena Boschi: “Chi fa campagna per il No non rispetta il lavoro del Parlamento”. Metteremo la casellina ‘No, grazie’.

Virginia Raggi propone di portare l’immondizia romana in Umbria. Così si rilassa un po’.

(Nessuno vuole i rifiuti di Roma. Provato con Fratelli d’Italia?)

Alla periferia di Roma i bambini giocano a contare i topi. “Vestiti che papà ti porta a Eurodisney”.

Pistorius tenta il suicidio tagliandosi i polsi. Ha sempre sognato di diventare un fermacarte.

(Pistorius avrebbe cercato di tagliarsi le vene. O forse gli prudeva un polpaccio)

Bari, tenta una rapina a un negozio con falce e martello. Ma il titolare è riuscito a confonderlo: “Apriamo un tavolo di discussione”.

Iniziano i campionati mondiali di nascondino. Messina Denaro è il nostro Phelps.

In Italia il 31% dei giovani non studia e non lavora. E a dirla tutta non sono nemmeno giovani.

[qui la prima parte]

[continua]

* * *

Autori: batduccio, akiten, rostokkio, comagirl00, cricon, pirata21, naima84, mimoparlante, misterdonnie, acid rain, frandiben, luca’s jokes, pungolo, newcombe79, ors0, a.mazed, antonio carano, foisluca84, mauz79, labusta, novevonbismarck, guli1979, miliingopapa, dan11, heliandros e luce so fusa.

Illustrazioni: batduccio, meniak, here to avenge laika.

Commenti

14 commenti a “Motrice islamica [parte II]”

2 • Vito13 agosto 2016 alle 9.43

Questa è da Nobel:
Per salvarsi alcune persone si sono buttate in mare. Ora sono sugli scogli a spiegare che sono francesi.

5 • Guglielmo Iezzi13 agosto 2016 alle 10.45

Non vi frequentavo da un po’. Volevo dirvi che mi siete mancati come una fidanzata stronza!

Poverini. Vedono arrivare camionette nere, uomini vestiti di nero e pensano: I nostri fratelli dell ISIS.
Invece sono Carabinieri.

“Bari, tenta una rapina a un negozio con falce e martello. Ma il titolare è riuscito a confonderlo: “Apriamo un tavolo di discussione”.

heliandros e poi dicono che Renzi è casuale!

11 • F8314 agosto 2016 alle 7.51

Sembra certo che l’attentato abbia matrice islamica. Nel camion è stato trovato un calendario di Maometto.

Il terrorista aveva con sé delle armi finte. Forse abbiamo trovato l’autore dell’attentato a Belpietro.

Pistorius tenta il suicidio tagliandosi i polsi. Ha sempre sognato di diventare un fermacarte.

Le migliori in assoluto.

12 • Dubbioso20 agosto 2016 alle 14.54

Scusate, gentilmente, ma quella di Pistorius / fermacarte non riesco a capirla… grazie per l’aiuto.

13 • Anthias11 novembre 2016 alle 15.56

Dopo quella degli uomini sugli scogli la seconda è

Per tutta la notte il bilancio delle vittime è aumentato. Poi qualcuno ha tirato il freno a mano.

Lascia un commento

*