Spinoza

Un blog serissimo.

Le conseguenze dell’amore

Usa, uomo entra in un locale gay con una pistola. Non era contento di vederli.

Integralista religioso fa strage di omosessuali. Non accadeva dai tempi di Sodoma e Gomorra.

È stata la sparatoria più sanguinosa di tutta la storia degli Stati Uniti. Se si escludono quelle con gli indiani veri.

Ancora non è chiaro se l’attentatore abbia agito per odio omofobo o religioso. È sempre difficile distinguerli.

(Sarò tradizionalista ma io sono per le stragi delle famiglie naturali)

Il Papa prega per le famiglie delle vittime di Orlando. I morti ormai sono all’inferno.

Dopo Parigi i terroristi colpiscono a Orlando. Forse non gli sta simpatico Topolino.

(Gli Usa dimostrano ancora una volta di essere un paese tollerante, dove i gay hanno lo stesso diritto degli etero di essere vittime di una strage)

Quella di Orlando è la peggiore strage in Usa dall’11 settembre. Ma chi avrebbe pensato che dopo gli aerei avrebbero colpito i trenini?

Il responsabile del massacro in Florida era una guardia giurata. Credevo uccidessero soltanto le ex.

Il killer ha compiuto la strage durante una serata di balli latinoamericani. Se non conosci i passi è facile sentirsi emarginati.

(Certo che se entri in una discoteca urlando “SU LE MANI!” non puoi pretendere che ti prendano sul serio)

Il racconto di un superstite: “Eravamo tutti con la faccia a terra, io avevo qualcuno sopra di me”. Poi è arrivato l’attentatore.

Omar Mateen era armato di un fucile d’assalto e una pistola. Quindi si è facilmente confuso tra la folla.

L’arma dell’omicida è la stessa usata nelle stragi di San Bernardino e della scuola elementare Sandy Hook. Come riportato sulla confezione.

Pare che il killer di Orlando fosse gay. Oddio, chissà ora che vergogna per i genitori.

Il padre dell’assassino: “Avrei voluto fermarlo”. Poi è partita YMCA.

L’Fbi seguiva l’attentatore da anni. Ma hanno aspettato di avere le prove.

Sul web girano selfie dello psicopatico in pose improbabili e facce ridicole. E pensate che potrebbe diventare presidente.

Il killer aveva giurato fedeltà al leader dell’Isis al-Baghdadi. Quindi il movente è passionale.

Prima di mettere in pratica il suo piano, Omar Mateen aveva chiamato il 911 e aveva aderito all’Isis. Capita anche a me quando non riesco a parlare con l’operatore.

Il padre del killer: “Tutto questo non ha niente a che fare con la religione”. Vuole prendersi tutto il merito.

“La religione non c’entra, mio figlio era omofobo”. È consolante sapere che almeno non ha fatto peccato.

Il racconto del padre: “Era furioso da quando aveva visto due uomini baciarsi”. Avrebbe potuto organizzare un Family Day.

(L’assassino ha dato sfogo alla sua follia omicida dopo aver visto un bacio. Era uno di quelli con gli aforismi di Fedez)

L’ex moglie del killer: “Una volta mi picchiò per colpa del bucato”. Non voleva che due calzini uguali si accoppiassero.

La compagna del killer conosceva le sue intenzioni ma non disse niente. Fanno sempre così, poi te lo rinfacciano dopo qualche mese.

Omar Mateen si sarebbe radicalizzato con un corso online. Ora Aranzulla sta esagerando.

Pastore cristiano dichiara: “50 pedofili di meno al mondo”. Quindi più bambini pro capite.

(Trovo assurdo fare delle differenze tra i ragazzi del Pulse e quelli del Bataclan. Anche i francesi sono persone come noi)

Il portavoce del Vaticano: “La strage nel locale gay ha suscitato in noi i più profondi sentimenti”. Ma non esultano per rispetto.

Anche Adinolfi esprime la sua solidarietà agli omosessuali. Senza di loro se ne andrebbe anche il suo programma elettorale.

Carlo Taormina: “Se il killer non avesse visto due gay baciarsi non sarebbe successo nulla”. In effetti non mi pare furbo farlo davanti a un killer.

Taormina: “L’integrazione non esiste, quando lo capirete?”. Scusaci, quando hai trovato lavoro a Priebke ci avevamo sperato.

Una delle vittime aveva sconfitto per due volte un cancro. Per poi essere uccisa da un altro.

La madre di una vittima mostra il messaggio del figlio: “Sono in bagno, lui sta per venire”. Sembrava andasse tutto bene insomma.

Secondo una testimone il killer di Orlando voleva risparmiare i neri. Tanto poi sarebbe arrivata la polizia.

(A Orlando i gay non possono donare il sangue. E ringrazino di poterlo ricevere)

Mattarella: “Sgomento per il vile attacco”. Ha saputo di Pearl Harbor.

California, fermato uomo con un arsenale in auto. “Tranquilli, vado agli Europei in Francia”.

Molti americani criticano l’eccessiva facilità di procurarsi armi a ripetizione. Tolgono tutto il divertimento.

Hillary Clinton punta il dito contro le armi. “Scusi, quanto costa questa?”

L’Isis rivendica la strage su una radio estremista. È proprio vero che i ripetitori di Radio Maria sono ovunque.

Donald Trump si scaglia contro i musulmani: “Non possiamo più permetterci di essere politically correct”. Perché, quando aveva iniziato?

Da Trump durissime critiche a Obama. Durante la sua presidenza non è riuscito ad arginare il fenomeno dei locali gay.

Trump: “I fatti mi danno ragione”. Ma se è per quello pure a Conte.

L’unica cosa certa è che dopo la strage di Orlando sarà durissima voltare pagGIACCHERINIIII!!!

* * *

Autori: stocazzo!, ordinary madness, xanax, il mago di floz, mimoparlante, cricon, pirata21, dan11, luka’s jokes, a.mazed, frandiben, acid rain, mej de oter, batduccio, goemon ishikawa, maurizio neri, novevonbismarck, luce so fusa, montales, milingopapa, comagirl00, pol1000, valeriomoro, sisivabbe e theaubergine.

Illustrazioni: sciscia, paniruro, here to avenge laika, stark.

Commenti

16 giugno 2016 • 26 commenti

Feed dei commenti a questo post. Sia i commenti che i ping sono chiusi.

26 commenti a “Le conseguenze dell’amore”

4 • Francesco16 giugno 2016 alle 16.13

“Prima di mettere in pratica il suo piano, Omar Mateen aveva chiamato il 911 e aveva aderito all’Isis. Capita anche a me quando non riesco a parlare con l’operatore.”
Questa mi ha steso!

5 • Donna Felicità16 giugno 2016 alle 16.17

Grande Post! Bravissimi! Come sempre.

Non riesco a trovare la battuta di stocazzo! Le ho passate tutte. Qual è? Forse il titolo?

14 • francesco16 giugno 2016 alle 19.59

Ed io mi sarei rotto il cazzo! Posso continuare a dire sempre la stessa cosa? GENIALI! Vabbè che me frega, la dico uguale!!!! FOTTUTI GENIIIIIII!!!

17 • F8317 giugno 2016 alle 7.48

La madre di una vittima mostra il messaggio del figlio: “Sono in bagno, lui sta per venire”. Sembrava andasse tutto bene insomma. Il top.

19 • Claire17 giugno 2016 alle 17.29

per la prima volta mi piacciono un casino anche le foto!
sara’ perche’ per la prima volta le ho capite? :P

23 • giannastik23 giugno 2016 alle 8.57

Si torna ai fasti del passato. Livelli altissimi. Scaldo i muscoli e rientro. Come Thiago Motta.