Spinoza

Un blog serissimo.

Se una notte d’inverno un viaggiatore

Egitto, ricercatore italiano torturato a morte. Volevano farlo sentire a casa.

Lo scorso 25 gennaio Giulio Regeni prese la metro per andare dagli amici ma non arrivò mai a destinazione. A Roma non si sarebbe ancora preoccupato nessuno.

Regeni aveva appena intervistato dei sindacalisti. Per dire quanta strada ha dovuto fare per trovarne.

Secondo la polizia egiziana Giulio Regeni è vittima di un incidente stradale, per quella italiana è stato torturato. Blablacar potrebbe mettere d’accordo tutti.

Il ricercatore ucciso scriveva per il Manifesto. Quindi le torture le aveva già subite prima.

Il ministro Gentiloni convoca con urgenza l’ambasciatore egiziano: “Due prosciutto e funghi”.

Giulio Regeni sarebbe stato ucciso dalla polizia egiziana. Ma secondo Giovanardi è solo scivolato da una piramide.

La morte di Regeni sarebbe dovuta a motivazioni politiche. Ma non si esclude la pista della rappresaglia da cinepanettone.

L’Egitto smentisce che Giulio Regeni sia stato arrestato. “Noi l’abbiamo solo torturato”.

(Il governo egiziano tiene a specificare che Regeni non è mai stato arrestato. Ma se è per questo neanche Matteotti)

La Farnesina ha fatto le condoglianze alla famiglia prima della conferma ufficiale. Questa sì che è efficienza!

Alfano: “Sono convinto che al-Sisi non si sottrarrà alla collaborazione”. D’altronde la disponibilità è la virtù principale dei dittatori.

Il Cairo: “Trattiamo Giulio Regeni come un cittadino egiziano”. Il problema è esattamente questo.

Federica Mogherini: “L’Ue è al fianco dell’Italia”. Gliene frega così tanto che hanno mandato te a dircelo.

Luttwak: ”Non bisogna puntare il dito contro il governo egiziano”. Se l’hanno ucciso un motivo ci sarà.

Il Manifesto pubblica l’articolo postumo del collaboratore scomparso. Lo fanno spesso anche con Veltroni.

Il corpo di Regeni è arrivato a Fiumicino. Ora è a casa di uno degli addetti ai bagagli.

Ad attendere la salma di Regeni a Roma il ministro Orlando. Renzi era impegnato col carnevale.

Il cadavere di Regeni è stato sottoposto a una tac e a delle radiografie. Li aveva prenotati a luglio.

La polizia italiana conferma che i segni di tortura su Regeni sono ben visibili. “Dilettanti”.

La salma di Giulio Regeni ha entrambe le orecchie mozzate e numerosi tagli sul viso. Si segue la pista della rasatura al risveglio.

Sul corpo di Regeni anche gravi lesioni ai genitali. Quindi la morte risalirebbe a dopo Sanremo.

Regeni sarebbe stato torturato con scosse elettriche. Gli egiziani troveranno una leggera sovrattassa sul canone.

(Trovo che sia di pessimo gusto divulgare i dettagli sulla morte di Regeni. Così mi rovinano il film)

L’Italia invia in Egitto un team di polizia, Ros e Interpol. Don Matteo era impegnato sul set.

Fiaccolata a Fiumicino in ricordo di Giulio Regeni. Stroncata dall’atterraggio di un Boeing.

Ai funerali di Regeni hanno partecipato ricercatori da tutta Italia. Tanto non avevano un cazzo da fare.

Il parroco: “A Giulio piaceva la verità”. Quindi non si spiega il funerale religioso.

Il ministero degli Interni egiziano smentisce le torture. Gettando le basi per un gemellaggio.

(Da un parte un ragazzo italiano ucciso al Cairo, dall’altra un giacimento da 850 miliardi di metri cubi di gas scoperto da Eni nel sottosuolo egiziano. Chi vincerà?)

Renzi: “Siamo l’Italia, non accetteremo una verità di comodo”. A quel punto avremmo fatto da soli.

Gentiloni: “È in gioco la dignità dell’Italia”. È la formula istituzionale per dire che non abbiamo nulla da perdere.

(Per arrivare alla verità serve che Italia ed Egitto collaborino seriamente. O che Regeni abbia una sorella molto determinata)

Nelle telecamere di sorveglianza egiziane non c’è traccia di Regeni. E anche da quelle delle nostre tv è scomparso.

* * *

Autori: masss, doctorc, pirata21, comagirl00, luca’s jokes, acid rain, fdecollibus, edelman, serpicone, arthur rombò, luca’s jokes, donna felicità, guli1979, sirboneddu, rocco gazzaneo, dan11, zioberto, foisluca84 e semola.

Illustrazioni: sciscia, abkualcosa e lowerome.

Commenti

52 commenti a “Se una notte d’inverno un viaggiatore”

7 • Abkualcosa22 febbraio 2016 alle 22.00

Gran bel post e, non lo faccio mai, ma mi sento di dire che questa è una delle più belle cose che ho fatto <3

Il parroco: “A Giulio piaceva la verità”. Quindi non si spiega il funerale religioso. Top

11 • sir boneddu23 febbraio 2016 alle 9.33

Undicesimo! Edelman-Matteotti, semola-sorella determinata, dan-boeing, luca’s-Fiumicino e Sanremo, tanta roba

16 • claudia23 febbraio 2016 alle 11.54

Credo che questo post debba essere pubblicato nei libri di scuola, quale definizione di satira. Sono orribilmente soavi.
Abkualcosa sei un genio!

18 • mefisto23 febbraio 2016 alle 13.33

questa é satira…. tremendamente dura ma satira!
complimenti a chi le ha scritte e non a voi che le pubblicate solamente e vi prendete i cazzo dei meriti….

27 • Acid Rain25 febbraio 2016 alle 9.33

Avessi la macchina del tempo, quella “Il ricercatore ucciso scriveva per il Manifesto. Quindi le torture le aveva già subite prima.” la riscriverei così: “Il ricercatore ucciso scriveva per il Manifesto. Quindi era arrivato già torturato.”
Mannaggia.

Buona idea quella di rimettere i link alle notizie (“giacimento”). Fatelo anche per le altre!

Un ricercatore che scrive per “Il Manifesto” è come un ateo che scrive per l’ “Avvenire”.
Non convince me, figuriamoci i servizi egiziani.

40 • Matteo28 febbraio 2016 alle 21.42

Belle davvero cinque o sei, per il resto la solita sdiarreata necrofila con le stesse battute sempre identiche. Che noia. Non fatevi abbagliare dai fan in estasi, sembra gente che si fa le seghe sulle proprie seghe. Reinventatevi.

Quarantaquattresimo come l’ultimo dei gatti!

Ma non ho capito la vignetta con il Trio Leghista.

49 • tar26 marzo 2016 alle 18.36

L’Egitto ha consegnato il portafoglio di Giulio Regeni?
Era stato ritrovato nelle tasche dei torturatori, cioè gli stessi che hanno effettuato la consegna ai nostri poliziotti!

50 • primo?4 aprile 2016 alle 10.38

ditelo che è un complotto contro di me, voi non volete che sia il primo dei commentatori…

51 • delio gatto21 aprile 2016 alle 23.16

in fin dei conti, è la cosa piu’ facile delmondo far satira surreale sulla vita politica e sulle cronache della nostra Italia: basta descrivere esattamente la realtà…magari attenuando unpoco i fatti: altrimenti NON CI CREDE NESSUNO!!!

52 • delio gatto21 aprile 2016 alle 23.22

CLAMOROSO:
SVELATA FINALMENTE LA VERITA’ SUL RITROVAMENTO DEL CORPO E SULLE CAUSE DELLA MORTE DI GIULIO REGGENI: LE AUTORITA’ PIRAMIDALI HAN SCOPERTO CHE SI TRATTAVA DI UN ANTICO ZOMBIE RIPORTATO IN VITA DAI TEMPLI DELLA VALLE DEI RE, FORTUNATAMENTE FERMATOSI CAUSA PERDITA IMROVVISA DELLO SPILLONE-MOTORE…!!! (conferme certe da parte degli insigni storici locali, casualmente tutti detenuti..)

Lascia un commento

*