Un mondiale serissimo.

;

Löw and order

I tedeschi vincono il Mondiale. In appena un mese.

Germania campione del mondo. L’Europa cominciava a starle stretta.

(La cosa che più mi infastidisce è che per quattro anni i tedeschi si sentiranno superiori a tutti)

Doccia gelata per gli argentini. Ma poteva anche andargli peggio.

Argentina sconfitta ai tempi supplementari. Fortuna che lì non seguono tanto il calcio.

(Mi chiedo come si potesse sostenere un paese come l’Argentina, che ha dato asilo ai nazisti. Per questo ho tifato Germania)

Dopo una vittoria al Mondiale è tradizione che qualcuno si spogli completamente. La Merkel ha scelto noi.

Gli argentini escono a testa alta. Hanno ancora l’incubo degli elicotteri.

La Gazzetta titola: “Decisivo il Supermario tedesco”. E bravo Monti!

Leo Messi eletto miglior giocatore del Mondiale. Di un’incollatura su Chiellini.

Messi non è riuscito a eguagliare Maradona. E pensate se ai suoi tempi l’arbitro avesse fatto una striscia a ogni punizione.

Ratzinger gioisce in Vaticano. Stavolta ci ha creduto fino alla fine.

(Ora, per coerenza, Bergoglio dovrebbe andare a fare l’arcivescovo di Costantinopoli)

Festeggiamenti anche in Italia. Da domani non c’è più Varriale.

Uomo invade il campo durante la finale. “Allenerò il Galatasarayyyyy!”

La regia internazionale nasconde le immagini dell’invasione. Un po’ quello che succede in Medio Oriente.

Khedira non ha giocato per problemi a un polpaccio. Cazzo ci faceva Suarez nello spogliatoio tedesco?

Il gol di Higuain viene annullato, ma le telecamere continuano a riprendere la sua esultanza. Mi ha ricordato Fede quando metteva le bandierine.

Nel finale Schweinsteiger perde sangue. Ma riesce a fare la ruota.

I giocatori tedeschi festeggiano in campo con le fidanzate. Appena rilasciate dopo un mese di prigionia.

(A vedere com’è andata aumentano i rimpianti per il Brasile. A loro il gol di Higuain lo avrebbero dato buono)

Leo Messi stringe la mano alla Merkel. Mai una volta che vomiti quando serve.

In Italia tutti parlano della mancata convocazione di Tevez. Che bello, esportiamo anche ct.

(Ricordiamo che il nostro Mondiale è andato così male che i telegiornali parlano di Nibali)

I tifosi argentini accusano l’arbitro italiano. Che si difende dando la colpa all’euro.

Salvini: “Mi spiace per la Merkel, sono contento per Maradona”. Non ha capito un cazzo come al solito.

Questo mondiale non poteva che chiudersi così: con Bizzotto che ricorda l’assenza di Badstuber.

Finale per il terzo posto, il Brasile perde nuovamente la faccia. E se l’era appena ricomprata.

(Dopo aver visto giocare la loro nazionale, i bambini delle favelas hanno deciso di puntare tutto sullo studio)

L’Olanda conclude il Mondiale imbattuta ma non lo vince. Manco la allenasse Bersani.

Contro il Brasile Van Persie segna il suo sesto gol in un Mondiale. Ma lui puntava al record di Klose.

Sul 3-0 l’Olanda sostituisce il portiere. Con un citofono.

Adesso il Brasile dovrà fare una grande riflessione sul suo calcio. Tanto per il resto va tutto bene.

Il periodo del Mondiale ha fatto registrare un calo delle visite ai siti porno. Provateci voi dopo due ore di Bizzotto e Dossena.

Parla il proprietario del resort che ha ospitato gli azzurri. “Ma come, ve ne andate di già?”

L’albergatore rivela che Cassano sgridò la donna delle pulizie entrata nella sua stanza. Avrebbe potuto alterarne il delicato ecosistema.

(Tra parentesi: ma quanto può aver fatto cagare una squadra che ha perso con una squadra che ha perso con una squadra che ha perso con il Brasile?)

Prandelli: “Deluso da Pepito Rossi”. Neanche un gol ha fatto.

Il Mondiale è finito. Vado a controllare come sta la mia fidanzata in soffitta.

* * *

Grazie a chi ha seguito il Mondiale insieme a noi, sul sito e tramite l’account Twitter Spinoza Live, e ai tantissimi che hanno contribuito con battute e immagini. Per chi volesse rivivere i momenti magici del torneo (in pochi ricorderanno che l’Italia ha vinto una partita) ecco tutte le uscite:

1. Rio ladro! > Tira aria di favoritismi…
2. Balo Horizonte > Sconfitta l’Inghilterra: c’è euforia
3. Ultima spiaggia a sinistra > Battuti dal Costarica: c’è meno euforia
4. Giù la cresta > Uruguay-Italia 1-0, siamo fuori
5. Ä Ë Ï Ö Ü Ÿ > Le semifinali e il crollo del Brasile

Senza dimenticare – riposino in pace – le nostre imprescindibili biografie:

(Grazie a tutti. Ci vediamo tra quattro anni)

* * *

Autori: il mago di floz, bean, mantovanale, strafani, samba, kappozzo, pirata21, novevonbismarck, montales, caparezza17, maurizio neri, misterdonnie, semola, mimoparlante, harry32, una persona a casa, starrynight, acid rain, enzofilia e negus.

Illustrazioni: maurizio neri, sciscia.

Commenti

15 luglio 2014 • 11 commenti

Feed dei commenti a questo post. Sia i commenti che i ping sono chiusi.

11 commenti a “Löw and order”

7 • Giorgio16 luglio 2014 alle 6.46

Belle!!!
E bellissima la foto Brasile “Un Anno Dopo”, ma il gattone mi sembra essere un leopardo (africano), non un giaguaro (amazzonico)…

10 • Miki16 luglio 2014 alle 13.27

Schweinsteiger chi la capita e’ in malafede. Cmq Pirata21 e’ troppo poeta per sto sito di marcioni (vedi “delicato ecosistema”: ma come ha fatto a sopravvivere fino ad ora in un mondo cosi’?)