Spinoza

Un blog serissimo.

Sberla ciao [intermezzo]

Sberla in Parlamento. Atteso a breve il resto dell’A-Team.

Deputato di Scelta Civica colpisce una parlamentare del M5s. Lui non sa perché, lei sì.

L’onorevole Dambruoso avrebbe preso a schiaffi una deputata grillina. Ma quelli servivano quando era piccola.

Boiachimollapalooza

Polemiche sul caso della deputata grillina che ha preso uno schiaffo in Parlamento. Secondo il regolamento doveva restituirlo.

La deputata M5s Loredana Lupo è stata colpita mentre stava saltando su un tavolo. Poi se li chiami grillini s’incazzano.

I parlamentari grillini scatenano una rissa. Lasciando evidenti scie cliniche.

(Si alzano i toni dello scontro politico. Sta’ a vedere che ora si rifà vivo anche l’attentatore di Belpietro)

* * *

Presentato l’impeachment a Napolitano. “Piacere, Giorgio”.

L’iniziativa è stata decisa democraticamente dopo un sondaggio online: “Per quale presidente della Repubblica italiana vuoi chiedere l’impeachment?”

Grillo ha chiesto ai militanti su cosa puntare per liberarsi di Napolitano. Ha vinto con il 63% “morte naturale”.

La richiesta di impeachment presentata dal M5s ha meno di dieci pagine. Ma è colorata molto bene.

Per Napolitano sei capi d’accusa. Manca giusto la lussuria.

La decisione sull’impeachment sarà presa in tempi molto rapidi. Napolitano potrebbe addirittura essere ancora vivo.

Il deputato M5s Sorial afferma che il presidente della Repubblica è un boia. Poi gli rimprovera il doppio incarico.

Sorial: “Napolitano sta adoperandosi per cucirci la bocca“. Quindi è dalla vostra parte.

Dopo l’impeachment i grillini si riuniscono. “E adesso a cosa giochiamo?”

* * *

Commissioni, i grillini occupano i banchi. Senza neanche scaldarli.

Grillo: “Noi siamo la nuova Resistenza”. Se funzionerà dovremo pensare alla nuovissima.

Giuseppe Brescia: “Quando si silenziano le opposizioni siamo in una dittatura”. O sul blog di Grillo.

(I grillini che denunciano atteggiamenti fascisti mi ricordano Berlusconi quando diceva di voler combattere la prostituzione)

Il Pd: “Atteggiamenti squadristi che offendono le nostre istituzioni”. Di credito.

Il M5s attacca la Boldrini. Dambruoso è troppo grosso.

I 5 stelle tentano di entrare negli uffici del presidente della Camera. Là dentro il wireless prende meglio.

Le porte degli uffici della Boldrini sbarrate per sicurezza. Tanto guardo dalla serratura.

Massimo De Rosa alle parlamentari del Pd: “Siete qui solo perché brave a fare pompini”. Ma l’ultima parola spetta alla rete.

La deputata Giuditta Pini replica a De Rosa: “Ho preso 7100 preferenze in tre giorni. Mi fa ancora male la mascella”.

Nella protesta dei parlamentari grillini spunta La Russa. Come storico di riferimento.

Tofalo: “Il boia chi molla non è fascista perché non fu inventato dal fascismo”. Allora anche il ricino è innocente.

I deputati del Pd e di Sel cantano “Bella ciao”. A questo punto la faccia anche Mengoni.

Legge elettorale, la Lega abbandona l’aula. Cazzo, già funziona!

* * *

Autori: konti, maurizio neri, pirata21, serena gandhi, sisivabbe, ansermo, purtroppo, chrideiuliis, donlione, cityman, venividiwc, donna felicità, il mago di floz, misterdonnie, rostokkio, goemon ishikawa, edelman, gianlgab, bean, giuditta pini e giga.

[NOTA: la battuta su Giuditta Pini è opera della stessa deputata, che l'ha pubblicata sul suo profilo Twitter mentre stavamo preparando il post; avuto il suo permesso, ce ne siamo appropriati. Lo scriviamo perché qualche fesso va dicendo che la Pini ha rubato la battuta a Spinoza, quando in realtà è successo esattamente il contrario]

Commenti

31 gennaio 2014 • 65 commenti

Feed dei commenti a questo post. Sia i commenti che i ping sono chiusi.

65 commenti a “Sberla ciao [intermezzo]”

7 • Nadia P31 gennaio 2014 alle 17.05

Fantastici! Da attivista della prima ora, non vedevo l’Ora che pubblicaste qualcosa sui grillini! Bravi!! Sisivabbe un genio!!

12 • Lamantino31 gennaio 2014 alle 18.39

Giuseppe Brescia: “Quando si silenziano le opposizioni siamo in una dittatura”. O sul blog di Grillo.

True Story ;)

13 • TitoLivio31 gennaio 2014 alle 18.45

Ho riso come un cretino, soprattutto al “poi se li chiami grillini s’incazzano” :D

Sono un loro sostenitore, ma il genio comico va riconosciuto :D

14 • Valpeg31 gennaio 2014 alle 19.28

Apprezzo molto l’autoironia di Giuditta Pini.
Il fatto che faccia sottindendere che alle ultime elezioni abbiamo votato con le preferenze è veramente sottile… (voleva dire questo, no?)

18 • thomaspsyy1 febbraio 2014 alle 0.02

Giuseppe Brescia: “Quando si silenziano le opposizioni siamo in una dittatura”. O sul blog di Grillo
Questa è terribile perchè è vera!

Il M5s attacca la Boldrini. Dambruoso è troppo grosso.

I 5 stelle tentano di entrare negli uffici del presidente della Camera. Là dentro il wireless prende meglio.
Queste invece sono semplicemente da cappottarsi;-)

19 • sbrodolo1 febbraio 2014 alle 3.08

Io da elettore 5stelle ho riso di brutto fantastici la satira è la base dell’intelligenza.

Commenti così sono da berluscones, o da chi cmq ignora che la satira dovrebbe basarsi su fatti reali, e finora nessuno di realmente libero ha capito che avrebbe di minimamente fascista il M5S o anche Grillo stesso, cioè chi rappresenta 9 milioni di persone (ora molte di più, credo) e si vede diffamato a caso ogni giorno dai giornali e tv possedute tutte dagli avversari politici e non rappresentato o ascoltato in Parlamento come se quei 9 milioni di persone non contassero un cazzo. I fascisti sono la Casta appunto, se mai, mi pare evidente, e i servi diffamatori dipendenti diretti o meno nei media.

“I grillini che denunciano atteggiamenti fascisti mi ricordano Berlusconi quando diceva di voler combattere la prostituzione.”

Per me chi li fa è un coglione e nazi-fascista e di parte, mi pare evidente, e si meriterebbe da gente poco raccomandabile il trattamento che invece si prendono quelli del M5S dai delinquenti che vorrebbero giustamente spazzare via di lì dentro (satira eh…vale per tutti, no?).

Vediamo se appare il commento, o se si censura al volo, “come sul blog di Grillo” (ROTFL)…

24 • Alessio1 febbraio 2014 alle 12.49

Tofalo: “Il boia chi molla non è fascista perché non fu inventato dal fascismo”. Allora anche il ricino è innocente.

Ah, perché quindi invece la colpa dell’uso che uno fa di un oggetto o prodotto ecc., sarebbe dell’oggetto stesso?

Cioè, questa è proprio ridicola formalmente, è come se l’autore pensasse davvero che la colpa di certe cose e metodi fosse dell’olio di ricino stesso, come se avesse deciso lui quell’uso…ahahahahahahahahahahahahahah…pazzesco.

25 • Alessio1 febbraio 2014 alle 12.51

E’ verissimo che certi simboli ad esempio erano precedenti a fascismo e/o nazismo che se ne sono appropriati (saluto romano, croce celtica e vari altri…lo dicono i nomi stessi, del resto), spesso di secoli, quindi ci vorrebbe un minimo di cultura prima di sparare cazzate a caso.

Infatti non è reato usarli in ambito artistico ad esempio, o dove uno vuole. E’ reato una cosa diversa ovviamente, cioè la reale intenzione di ricostituire sotto qualsiasi forma il disciolto partito fascista, punto.

26 • Alessio1 febbraio 2014 alle 13.00

In un paese normale cose di quella gravità, ma anche solo tipo l’altro (del solito ottimo Pd se non ricordo male) che tempo fa andò sul muso alla Spadoni (sempre del M5S ovviamente) e anche quello era tipo il doppio e tutto (non che cambi nulla fosse più piccolo, uno che fa robe del genere a una donna è da galera, in Parlamento poi, non allo stadio…), minacciando e facendo il gesto di picchiarla ecc., sarebbe non solo su tutti i giornali e telegiornali nazionali e locali ecc., ma sarebbe sanzionato immediatamente con l’espulsione a vita del delinquente di turno.

E tutto poi solo perché vogliono e riescono a fare sempre più piazza pulita del marcio che c’era sempre stato lì dentro, pensavano col tempo di addomesticarli magari, di comprarli come hanno fatto con tutti gli altri, che entrassero nella Casta anche loro e nel magna-magna generale dove ognuno copre i reati e casini e scandali degli altri, e rendendosi conto sempre più che loro sono invece incompromissori e fedeli al programma con cui i cittadini li hanno mandati lì, stanno sbroccando sempre più con la bava alla bocca, sono terrorizzati, con i nervi costantemente di fuori e basta ogni volta una nuova prova della suddetta coerenza al programma ma anche e soprattutto alla Costituzione (in questo caso l’impeachment a Napolitano appunto) e alla decenza minima in generale, all’onestà e ai ragionamenti da persone “normali” e non da privilegiati a 20000 euro al mese (+ benefit vari e ovviamente per molti anche ruberie varie, per “lavorare” 3 giorni la settimana), che danno di matto come i peggiori delinquenti e mafiosi.

28 • bernoccolo1 febbraio 2014 alle 13.09

Vediamo se appare il commento, o se si censura al volo, “come sul blog di Grillo” (ROTFL)…” (dal Vangelo secondo Alessio, #23).

Vai in pace, figliolo: nessun bisogno di censura, i tuoi pistolotti, da soli, bastano a coprirti di ridicolo. Che, per fortuna, non uccide.

32 • Leprotto1 febbraio 2014 alle 14.49

Alessio per me hai ragione al 100%, ma in questo contesto è meglio abbozzare e farsi una risata.

35 • Leonore1 febbraio 2014 alle 18.48

Ahahahahhahhaaahahah!!!
Basta, Alessio, mi togli il respiro!! Mi vuoi far morire dal ridere?!?

37 • otis opse1 febbraio 2014 alle 19.40

sintesi, Alessio, sintesi. Ma dove lo trovi il tempo di scrivere tutta quella roba?

41 • Riccardo Monti2 febbraio 2014 alle 12.48

Io sono un sostenitore del m5s, ma sinceramente queste sono tra le più divertenti che ho letto. La satira è satira e bisogna accettarla. Se uno crede in ciò che sostiene non deve far altro che ridere delle battute se sono divertenti, e basta. Tutti quelli che in rete e non insultano o offendono gli altri quando si parla male di loro sono al pari degli ultras delle squadre di calcio, a cui delle partite non interessa niente, ma solo azzuffarsi con gli avversari.

Alessio ha ragione: nonostante ce ne siano di bellissime, quelle 2 battute che ha citato non fanno proprio ridere e non si capisce come siano potute entrare nella lista.

PS: ha ragione anche chi invita alessio a fare una sintesi XD

47 • Gattosiilvestro3 febbraio 2014 alle 1.13

Massimo De Rosa alle parlamentari del Pd: “Siete qui solo perché brave a fare pompini”. Attenzione! La prossima volta qualcuna perderà il posto: Berlusconi candiderà Monica Levinsky.

48 • Gattosiilvestro3 febbraio 2014 alle 1.16

Massimo De Rosa alle parlamentari del Pd: “Siete qui solo perché brave a fare pompini”. Dilettanti! Almeno Monica Levinsky li faceva al Presidente.

49 • observer3 febbraio 2014 alle 9.24

davvero poche pochissime risate.
più intelligente è la satira più fa ridere.
meditate gente…

50 • ale1623 febbraio 2014 alle 20.13

alessio, alessio…
grazie ora che hai evangelizzato puoi tornare al tuo sacro blog
vattì va

51 • MartinaPienaDiGrazia5 febbraio 2014 alle 3.08

Ehi, vi sembra il caso di scherzare su Alessio? Adesso state proprio esagerando!
Venividiwc uber alles – Napolitano e le bocche cucite mi hanno fatto rotolare
PS che significa ROTFL?

55 • Ciccione11 febbraio 2014 alle 11.17

scusate se m’intrometto:
chi di voi, potendo andare in pensione, ci rinuncerebbe? la pensione e tante altre cose di cui godiamo oggi (e che i politici stanno distruggendo) sono state introdotte da mussolini…
invece di piagnucolare “maestraaa, mi ha detto boia chi mollaaa” oppure “mammaaa, cantano bella ciaooo” (io da piccolo cantavo giovinezza, sono fascista?_?)
perché non guardate le cose serie? la satira dovrebbe far ridere e nel contempo, nascondendosi dietro alla risata, informare: di cosa stareste informando, con i piagnistei sul boia chi molla?
quando la santanchè faceva il saluto romano, dov’eravate?

57 • gerini-si-nasce13 febbraio 2014 alle 1.49

E’ la prima volta dacche’ il sito esiste che i commenti mi fanno ridere piu’ del post.
Grazie alessio :)

58 • Marco16 febbraio 2014 alle 2.44

Ok la satira e il suo corto circuito comunicativo come imperativo per riflettere al di la delle proprie posizioni, ma se nn sono d’accordo mi rode il xxxx.

Attaccare una pagina di satira perché fa il suo lavoro, cioè la satira, fa pensare che allora ci voleva proprio questa pagina di sberleffi. E non si può dire che ci sono andati pesante, perché in 12 mesi di legislatura hanno fatto il circo quelli del M5S.

60 • Marco16 febbraio 2014 alle 13.26

La satira è fatta per provocare reazioni contrastanti, chi è d’accordo ride e chi nn lo è storce il naso. in ogni caso da modo di pensare al di la di ogni posizione, che sia ragionevole e onorabile o che sia viziata e pregiudizievole. In ogni caso, caro pino, se difendi così la satira nn fai niente di più di chi la critica e quando un giorno troverai una sferzante battuta sul tuo partito, sulla tua famiglia o su di te, alzerai gli scudi e dirai “questo è troppo!”

Ribadisco la mia opinione: la satira buona per me è quella che facendomi riflettere mi fa anche ridere. E mi pare giusto che tocchi tutti coloro che hanno potere. Sia che siano della parte avversa sia che siano dalla mia parte.
La pessima satira è quella finta, priva di cattiveria. Che somiglia più alle comiche che non ad un modo irriverente di sbeffeggiare chi ha potere. Di Sx di Dx di CentroSx di CentroDx di Centro o del M5S. Partito che peraltro ho votato. Esempio: i fratelli Guzzanti, Crozza, non risparmiano nessuno. Per un fatto di gusto mi piace poco Daniele Luttazzi, ma trovo in alcuni spunti geniale Natalino Balasso. Trovo soporifera striscia la notizia.
Penso che tu Marco abbia capito come la penso.
Sono cresciuto leggendo il MALE negli anni ’70.

62 • Marco17 febbraio 2014 alle 23.10

Ho pensato che una pagina di satira che viene attaccata è una pagina che ha fatto il suo lavoro e proprio per questo nn va difesa. Le reazioni fanno parte della satira stessa.

63 • rafael24 febbraio 2014 alle 18.54

I grillini sono insopportabili : rozzi e villani.Vuoi mettere quelli della 1a repubblica : rubavano , corrompevano , inciuciavano , con un garbo e una classe che non ti dico.

64 • Luigi1 marzo 2014 alle 0.34

RAFAEL…sei la sintesi del pensiero italiano di destra/sinistra/centro/di lato/di sotto ecc.ecc.

65 • angela22 marzo 2014 alle 16.48

La satira e’ di alto livello, molto divertente. una boccata di aria fresca!