Spinoza

Un blog serissimo.

Don’t cry for me Anagnina

La Polverini si è dimessa. Però poteva almeno salutare.

Annunciate in serata le dimissioni della Polverini. A questa festa possiamo partecipare anche noi.

La Polverini lascia la guida della regione Lazio. “Avevo un tumore”, ha dichiarato la regione.

L’ex governatrice: “Me ne vado a testa alta”. Sta cercando di uscire dal parcheggio.

“Non voglio che mi confondano coi ladri”. Dovevi pensarci prima di fare la tessera.

Pochi giorni fa erano state diffuse le foto di un festino del Pdl con ancelle e maiali. O forse era il congresso nazionale.

Dopo Marrazzo, salta anche la Polverini. Gli elettori del Lazio sono finalmente pronti per Serse Cosmi.

(Ironia della sorte, anche la Polverini ha dovuto lasciare a causa dei travestiti)

I festini del Pdl Lazio si ispiravano all’Odissea. E alla fine chi andrà in galera? Nessuno!

De Romanis: “È stata una festa carinissima e sobria”. Il trogolo era molto minimal.

La Polverini prima annuncia le dimissioni, poi le ritira, poi le presenta di nuovo. Ho capito, faceva Penelope.

“Mi sono dimessa per una faida interna al Pdl”. L’eterna lotta tra il male e il peggio.

(La Polverini parla di dissapori all’interno del centrodestra. Non tutti sono d’accordo su Renzi premier)

“Non sono disposta a pagare le colpe di altri”. Allora facciamo alla romana.

I consiglieri del Pd si erano già dimessi in massa. È sempre più chiaro che la linea del partito la dettano i lemmings.

La Polverini ha ricordato i venticinque miliardi risparmiati dalla regione Lazio. Con le sue dimissioni.

D’Alema: “Le dimissioni della Polverini sono una nostra vittoria”. Alla festa era quello vestito da Pirro.

Per D’Alema le dimissioni della Polverini sono una vittoria del centrosinistra. Fare fuori la Bonino faceva parte del piano.

Il Pdl fa quadrato intorno alla Polverini. E non è facile, pisciando.

Laconica Renata Polverini: “Consiglio indegno”. Ma come si poteva immaginare che Fiorito fosse pieno di achei?

La Polverini: “Ci siamo distratti un attimo”. E sono rimasti solo i tramezzini ai funghi.

(La Polverini non si è mai accorta di nulla. Per lei Fiorito aveva solo le ossa grosse)

Usciti dal conto del Pdl decine di bonifici senza nome. Ancora non era chiaro chi si sarebbe occupato dell’inchiesta.

Le erogazioni ai gruppi politici della regione Lazio sono lievitate senza che fosse fornita alcuna giustificazione specifica. Sarebbe bastato un “devo fare benzina”.

Il capogruppo Fiorito: “La Polverini sapeva”. Ma è chiaro che già così non sta in piedi.

Le varie versioni di Fiorito: “La Polverini non poteva non sapere”. “Mai detto che la Polverini sapeva”. “Chi sarebbe questo Fiorito?

Fiorito: “Mai rubato soldi del Pdl”. Gli arrivavano già rubati.

(La situazione di Fiorito è talmente complicata che Taormina ha un avvocato a sua volta)

“Per noi Fiorito è già fuori dal partito” ha detto Alfano. Lo stesso che voleva fuori la Minetti.

“Non vogliamo ladri, rubagalline e mascalzoni” ha dichiarato Alfano stroncando le correnti interne.

Alfano: “Via ladri e mascalzoni”. Via dell’Umiltà suonava male anche a me.

La madre di Fiorito: “A tre anni già leggeva Topolino”. Era il Mozart del Pdl.

“Mio figlio non ha bisogno di rubare. È ricco”. Se è per questo non ha nemmeno bisogno di mangiare: è grasso.

Fiorito: “Se gli elettori non ci votano più, fanno bene”. Bravo, adesso due parole su chi vi vota ancora.

Il Pdl sostituisce Fiorito con una fanatica nazista. Ma allora lui era lì per il nostro bene!

(Una cubista con simpatie fasciste. “Su la mano!”)

Chiara Colosimo è una ex cubista che ama i regimi totalitari. Viene direttamente dai sogni di Berlusconi.

La nuova capogruppo del Pdl era apparsa in tv accanto a un neonazista rumeno. A modo suo voleva dirci che non è razzista.

Tra le spese di Fiorito bollette telefoniche per migliaia di euro. Vabbe’, non è mica una colpa avere Vodafone.

Fiorito spese anche quattromila euro in un Apple store. Ma è successo anche a me che si rompesse il caricatore.

Si indigna il mondo cattolico. È la cosa che sa fare meglio.

“Scandaloso spreco di denaro pubblico” ha dichiarato Bagnasco parlando dell’otto per mille ai valdesi.

Storace: “Una banda di cacasotto soggiogati dalla propaganda”. Ma non vedo perché prendersela con gli elettori.

“Il Pdl è in un abisso di immoralità”, ha detto Frattini sciabolando uno champagne.

“C’è un abisso che divide la politica dai cittadini”. Ed è proprio lì che si trovano le ostriche migliori.

Alemanno: “Fiera dell’ipocrisia”. Daje, famola a Tor Tre Teste.

* * *

Autori: benze, cani & porci, milingopapa, batduccio, venividiwc, xanax, mestmuttèe, caparezza17, miguel mosè, sisivabbe, filipio, dan11, maryread, zip, shotinthedark, sirboneddu, fdecollibus, novevonbismarck, serena gandhi, naima84, me the nutshell, lops64, frandiben, carlocf, edelman, goat boy, luigi funcis, theaubergine, negus e lowerome.

Commenti

25 settembre 2012 • 175 commenti

Feed dei commenti a questo post. Sia i commenti che i ping sono chiusi.

175 commenti a “Don’t cry for me Anagnina”

7 • misterdonnie25 settembre 2012 alle 10.32

graziosità sparse. molto molto bene.

sciam’ ‘nnanz ;)

MrD

p.s.: sì montales, siamo arrivati tutti con quel pensiero :D

9 • filipio25 settembre 2012 alle 10.32

ehi dan, mi hai rubato la battuta!!! :) ))))

comunque complimenti a tutti!!!

stupenda quella di miguel sulla vittoria di Pirro!

13 • Lex Luthor25 settembre 2012 alle 10.37

Molto carino, come al solito, ma devo dirvi due cosette: 1 Codreanu, che appare nel video della Colosimo, non è un neofascista.. Stiamo parlando di un pazzo fanatico cristiano degli anni ’30; cioè non volevo precisare e basta volevo sottolineare che a confronto un neonazista è uno scolaretto.. 2 pagare “alla romana” vuole dire dividere il conto per quanti sono i commensali, senza badare a i piatti particolari scelti da ognuno, e quindi il contrario di come l’avete inteso voi, almeno credo. Peace

14 • Gabriele25 settembre 2012 alle 10.39

Di solito, col passare del tempo, si perde un pò di smalto. Non so voi come fate, ma diventate sempre più bravi. Forse è merito dell’Italia che già di per sè è una barzelletta continua?

“C’è un abisso che divide la politica dai cittadini”. Ed è proprio lì che si trovano le ostriche migliori.
ZIP grandissimo.

22 • mimoparlante25 settembre 2012 alle 11.00

Sempre più real time, anche se agevolati dalla lentezza nel dimettersi della Polverini.

Bello!

@Lex Luthor, alla romana, ognuno paga quello che ha preso!

i travestiti del PDL (o del Arcigay?): “Si devono allungare i tubi di scappamento… contro i polverini”

24 • Efisio25 settembre 2012 alle 11.02

Non male, anche se questa volta era facile, e devo dire che altre volte siete stati più graffianti. Comunque bravi sempre

28 • montales25 settembre 2012 alle 11.07

Che palle, è il secondo post di seguito (oltre a un metadone) in cui mi tocca farvi i complimenti senza essere selezionato. Ma è bello pure questo, cazzo.
Bello come post e belle molte battute. Le ostriche di zip, ma anche Fiorito grasso, travestito da Pirro. Una bella stilettata anche quella di negus. E poi quando pubblicate sirboneddu sono contento a prescindere (e la battuta è buona)

29 • tianlong25 settembre 2012 alle 11.11

Questa volta vi siete proprio superati! Bravissimi!!
Anche se visti i personaggi la battuta esce facile facile :D

E adesso voltiamo pagina!
Scandali, ruberie, impicci e imbrogli fino alla nausea, fino a non poterne più! Basta! Sono tutti uguali, mandiamoli a casa! E non è qualunquismo! Destra, sinistra e centro. E’ un continuo susseguirsi di scandali! Dal nord al sud fino ai rumors capitolini del Laziogate, ormai nel Belpaese le furfanterie sembrano la regola nazionale, dall’infame serie del “così fan tutti”! E non è populismo! Vicende squallide, a dir poco imbarazzanti. Ma non per “loro”, che degli scandali se ne fregano e continuano a fare man bassa dei denari pubblici, ad accumulare privilegi e a scalare la carriera politica e sociale a colpi di tangenti, corruttele e ruberie varie. La politica “ostriche&champagne” rigorosamente a spese del contribuente si è mangiata ormai tutto e a questo punto non le resta che mangiare se stessa! E’ la malapolitica che si autofagocita! E’ la fine di una classe dirigente ormai arrivata al capolinea, ma che non vuole scendere! Ma bisogna farli scendere! E questo compito spetta costituzionalmente agli elettori. Lo strappo fra Palazzo e Paese, la frattura fra politica e cittadini è ormai insanabile! La “casta” non ha saputo, né voluto autoriformarsi, né tantomeno fare pulizia in casa propria! “Loro” a forza di scandali sono diventati impermeabili alla “vergogna”! Il rischio è che anche la gente per bene diventi “indifferente” allo schifo, al disgusto, alla nausea e alle immondizie tirategli addosso per decenni da questa classe dirigente che ha sommerso di spazzatura tutte le cose belle di cui gli italiani dispongono e sono capaci, trasformando il Belpaese in una “discarica” a cielo aperto, nella fogna dell’affarismo selvaggio e spregiudicato! Pretendere il ricambio di questa classe dirigente non è un qualsiasi “grillo populista” che salta per la testa della gente da un giorno all’altro, ma un diritto sacrosanto. La politica nel bene anche se fino ad oggi lo è stata soprattutto nel male, è e sarà sempre e comunque la nostra vita. E per tentare di restare vivi bisogna restituire alla politica la dignità, la nobiltà, l’autorità ed il rispetto perduto. La politica è un “cosa seria”. Fare politica è una “cosa alta”, resa infima e bassa da “loro” che la hanno calpestata e asservita al proprio tornaconto personale, smarrendo il senso delle istituzioni e dello Stato, perdendo di vista ogni regola etica, morale e giuridica, avvilendo il senso civico, perdendo il rispetto per “loro” stessi, per i “loro” elettori e per la cosa pubblica! Per far risorgere la politica ai livelli che le competono è rimasto un solo modo: cambiare le persone che la fanno!

31 • dani62ita25 settembre 2012 alle 11.21

… ma come si fa, come si può valutare una cosa simile!
Sono bellissime!

Dalla Regione, al trogolo, … senza dimenticare Pirro, Mozart, la Colosimo, Bagnasco, giù fino ad Alemanno…

Sono stupende: uno dei migliori post di sempre, direi.

32 • Marco dalla Sardegna25 settembre 2012 alle 11.24

De Romanis: “È stata una festa carinissima e sobria”.
Trimalcione sarebbe orgoglioso di voi.

Usciti dal conto del Pdl decine di bonifici senza nome.
Erano dei conti mascherati.

Chiara Colosimo è una ex cubista che ama i regimi totalitari.
E’ la tipa adatta per una regione allo sfascio.

Bellissimo.
Non sono neanche entrato nel thread, quindi è stata una prima assoluta, come quando non ero ancora iscritto.
Ogni tanto ci vuole.

34 • riccodifede25 settembre 2012 alle 11.45

Bel post!
In quella dell’Apple Store c’è un refuso…ci vorrebbe un “che”.
Bravi!

36 • Fradeve25 settembre 2012 alle 11.53

Uno dei migliori post di sempre, ho resistito dal commentare complimenti ma non ce l’ho fatta.

40 • goemon25 settembre 2012 alle 12.12

Bel Post (ma che ve lo dico a fare :) )…
Il Pirro di Miguel e le Ostriche di Zip sono 2 chicche, ma veramente complimenti a tutti!

45 • sirboneddu25 settembre 2012 alle 12.30

Ma che gran post!! :D

(Montales, in realtà non mi pubblicano spesso perché sono alto e biondo, il che un po’ contrasta con l’immaginario comune dell’uomo sardo)

48 • Fiabatek.25 settembre 2012 alle 12.51

chi mi spiega quella sugli achei? cioè, immagino centrino i poemi omerici e cose simili, ma non ci arrivo.

@Triskel:
No, era una cosa squisitamente grammaticale. In inglese il “that” spesso si omette, e da quando c’è spinozaen, una certa dose di battute vengono prodotte direttamente in inglese.
Io volevo scherzosamente esagerare un po’ la tendenza.
(Tu scommetto che avevi capito che copiamo tutti da David Letterman come Luttazzi :) )

La Polverinella ha detto che andrà in Procura e là..parlerà! Maaariiaaa..!ci sarà un effetto “domino”? Me lo auguro e nello stesso tempo mi chiedo se le patrie galere saranno in grado di “ospitarli” tutti..Un’idea potrebbe essere quella di imbarcarli tutti x “l’isola dei pietosi” e lasciarceli! e, siccome sono di animo buono,concedere loro una vanga…Chissà se esiste un’isola bella grande per ospitarli tutti.. A voi SPINOZIANI un immenso BRAVIIII..!

54 • c'ha i coschi25 settembre 2012 alle 13.34

bellissime. e si godono molto di più senza leggere nulla prima nel thread, da tempo non me le gustavo così!

56 • sudista25 settembre 2012 alle 13.45

La madre di Fiorito: “A tre anni già leggeva Topolino”.Sì ma tifava sempre per Gambadilegno.

Ancora sto ridendo….il miglior post di sempre, anche se con un simile argomento ci si poteva sbizzarrire a non finire….Complimenti a tutti!!!

60 • sepolnuto25 settembre 2012 alle 14.14

Mai commentato ma mi gusto sempre tanto le battute quanto i commenti…quindi oggi mi butto, vediamo se ho imparato:
Post fantastico!
Cinquantasettesima!
Mi spiegate Serse Cosmi? Ho già consultato wikipedia, ma non è stato d’aiuto

Bel post, una delle mie preferite è quella di Batduccio sulla Colosimo.
Ringrazio tutti per i complimenti, e soprattutto Freeskipper per non essersi dilungato troppo.

Il vaticano, con la bocca e le mani sporche di marmellata,Dice che quello che succedeva alla regione Lazio è immorale e che lui non c’entra, mentre nasconde il cucchiaio!

precisazione su SERSE COSMI
trattasi di allenatore di calcio, specializzato nel prendere in mano squadre allo sbando (Brescia, Livorno, Palermo, Lecce, Siena… quasi tutte destinate alla retrocessione)
LAZIO è una squadra, oltre che una regione…

@Lex Luthor, in realtà alla romana vuol dire “ognuno paga per sè”, quindi è assolutamente sensata la battuta…

75 • gabriele25 settembre 2012 alle 16.40

Post fantastico!

Come gia’ notato da qualcuno, pagare alla romana significa dividere il conto tra tutti i commensali.

Abbravi! :D
Su tutti dan11 perché di scemi come lui mica ce n’è tanti a piede libero e venividiwc per la meravigliosa immagine del Fiorito farcito che spero tanto svanisca prima di cena.

77 • Makkia25 settembre 2012 alle 17.55

Alla romana *a Roma* vuol dire dividere in parti uguali. Se è così la battuta dice che loro hanno magnato e il conto – oops! – ce lo dividiamo fra tutti noi “in amicizia”.

Se “alla romana” vuol dire che ognuno paga il suo, la battuta vuol dire…!?

Mi sta bene il furore filologico, ma nell’interpretare il senso ci dovrebbe avere la sua porca importanza.

78 • Makkia25 settembre 2012 alle 17.58

p.s.: Pirro. Ho spaventato la vicina sul (suo) balcone “ahò, che fai, ridi da solo come i matti?”

83 • emmeci25 settembre 2012 alle 20.06

@Fiabatek: i troiani accolsero il cavallo come una cosa positiva e se lo portarono dentro le mura. ma in realtà era pieno di achei. Fiorito… la stazza per avere qualche acheo in pancia ce l’ha, ma in ogni caso il paragone è per aver portato sciagura e guai in consiglio all’insaputa della poooooooooovera piccola ingenua Renata.

85 • roobbbberto25 settembre 2012 alle 22.17

ppeppino pastaio, o cavecanem o come preferisci farti chiamare, è ora che qualcuno te lo dica: Catartica fa cagare!

88 • ndonio25 settembre 2012 alle 23.15

post, a mio avviso deboluccio, con qualche sprazzo degno di nota:
“Mio figlio non ha bisogno di rubare. È ricco”. Se è per questo non ha nemmeno bisogno di mangiare: è grasso.

Bel post, forse giusto un tantino lungo.
Menzione speciale per Miguel/Pirro e goat boy/Grasso.

91 • Sifossefoco26 settembre 2012 alle 5.45

Polverini: “Sbagliato generalizzare, una cosa è la giunta, un’altra il consiglio regionale”. Abbruzzese: “Non sapevo come li spendevano: una cosa è il consiglio, un’altra i capigruppo”. I capigruppo: “Una cosa siamo noi, un’altra è Fiorito”. Fiorito: “E’ un lato di me che non conoscevo”.

93 • peppino pastaio26 settembre 2012 alle 9.59

x roobbbberto

per te fa cacare….. vedo che altri mettono mi piace su youtube….
quindi zitto e cuccia….

94 • deadboy26 settembre 2012 alle 10.19

Quella di Frattini è la più bella. Non ci sono cazzi!
Se uno pensa alla faccia e ai modi del personaggio fa sfasciare. :)
La cosa buffa è che la politica italiana è così malmessa che le battute di Spinzoza assomigliano sempre di più ai flash dell’Ansa. Non si distingue più il vero dalla satira talmente i fatti sono assurdi.

Cari politici, mi fate vomitare!
Questi politici, questa politica corrotta, sporca e maleodorante, la malapolitica insomma, con le sue “furfanterie”, i suoi continui “scandali”, le sue “porcherie” e le sue “rapine” a viso aperto, perpetrate contro i “soliti noti”, ha ottenuto ciò che voleva: far allontanare le persone oneste, i cittadini per bene, dal governo della cosa pubblica! Siamo tutti talmente schifati, che di politica non vogliamo proprio più sentirne… e “loro” saranno così liberi ed incontrollati per continuare a lucrare sulle nostre spalle, indisturbati e impuniti. Sì, impuniti! Perché il “loro” distrarre denari pubblici dai vari bilanci non è reato, in quanto è a norma di legge – la legge fatta da “loro” stessi, a “loro” uso e consumo – che gli vengono assegnati centinaia di milioni di euro. Poi se li spendono in pranzi e cene, festini e donnine allegre, ostriche e champagne, piuttosto che per il bene comune, è una questione morale non perseguibile giuridicamente!!! E lo schifo, il ribrezzo della gente per bene nei confronti di questo modo di fare politica cresce a dismisura. La disaffezione, l’astensionismo dal voto, salgono sempre di più, divenendo “partito di maggioranza assoluta” del Belpaese. E “loro” stanno per raggiungere finalmente l’obiettivo prefissato: ridurre le elezioni politiche, le consultazioni elettorali, da espressione della volontà popolare, a espressione dei “loro” personalissimi “affari”! Con il tempo la gente per bene, stufa di andare a votare ‘il meno peggio’ col naso turato, diserterà completamente le urne e il voto sarà prerogativa solo di chi fa politica e del suo esclusivissimo “indotto”! Stanno ottenendo – democraticamente e secondo legge – quel che volevano!!! E sempre democraticamente e per “legge” – la “loro” legge – le retribuzioni dei lavoratori dipendenti e dei pensionati, tartassati da un fisco a senso unico, sono “congelate” dagli anni ‘90 e “dimezzate” nel loro potere d’acquisto dalla conversione dalla £ira all’€uro. L’esempio sta nella realtà dei fatti. Un lavoratore dipendente che percepiva uno stipendio di due milioni di lire è passato ad una busta paga di mille euro. Un ‘onorevole’ che percepiva un’indennità parlamentare pari a venti milioni di lire, oggi riscuote ventimila euro!!! Per “loro” i soldi ci sono sempre, per la gente per bene solo lacrime e sangue!!! E’ tanta la nausea, che se gli italiani affetti dai ‘conati di malapolitica’ rimettessero tutti insieme ricoprirebbero di vomito Palazzo Madama e Montecitorio, all’unisono!

98 • Aurora Granito26 settembre 2012 alle 14.40

Non vogliamo ladri, rubagalline e mascalzoni” ha dichiarato Alfano stroncando le correnti interne…E chi rimane in politica?

103 • JamesBondi27 settembre 2012 alle 10.06

mi dispiace ma stavolta sono quasi tutte sono penose, se ne salva solo alcuna
ne pubblicate troppe, facciamola un po’ di selezione
non mi dite che si sta sputtanando pure spinoza, non saprei più dove andare per farmi un sorriso
già ho smesso di leggere il forum perché mi fa vergognare al posto di chi scrive certe battute, ma almeno i post pubblicati teneteli ad un certo livello

104 • ACCABADORA27 settembre 2012 alle 10.08

“Per D’Alema le dimissioni della Polverini sono una vittoria del centrosinistra. Fare fuori la Bonino faceva parte del piano”. Infatti romani e laziali avevano capito al volo che la Bonino avrebbe fatto sul serio.

105 • Alessandro27 settembre 2012 alle 18.04

Il top è:

Alfano: “Via ladri e mascalzoni”. Via dell’Umiltà suonava male anche a me.

Cavolo, non sapevo fosse cosi difficile mandare a far compagnia a spacciatori e ladri di mele e di galline uno sparapalle a raffica,il ragazzo della Santanchè. che pena
mi fa…

Siamo sicuri che Alfano non abbia detto: “VIA, ladri e mascalzoni!”? La virgola è importante.

108 • checco28 settembre 2012 alle 8.47

Storace: “Una banda di cacasotto soggiogati dalla propaganda”. Ma non vedo perché prendersela con gli elettori.

110 • marco di domenico28 settembre 2012 alle 13.48

riunione straordinaria del governo per il decreto anti-corruzione. Presenti tutti i ministri, i sottosegretari e i collaboratori più stretti, mancava solo il braccio destro della Severino.

Siamo messi proprio bene se l’aquila sfidate di Barak Obama ha dichiarato che se vince Obama ridurrà l’America
come l’Europa. Forse nessuno l’ha informato, che se l’Europa e ridotta così, i merito è tutto USA.

116 • thomaspsyy30 settembre 2012 alle 0.25

a me il post è piaciuto, queste tra le altre:

“Non vogliamo ladri, rubagalline e mascalzoni” ha dichiarato Alfano stroncando le correnti interne.

Alfano: “Via ladri e mascalzoni”. Via dell’Umiltà suonava male anche a me.

per freeskipper: ti rilassi qualche volta?

117 • MarioS30 settembre 2012 alle 22.17

Come le dissero al momento dell’insediamento: “Ricordati Renata, che Polverini eri e Polverini ritornerai!”.

118 • Smejatsa30 settembre 2012 alle 22.33

Alfano: “Via ladri e mascalzoni”. Via dell’Umiltà suonava male anche a me.

Grandiosa

119 • pocchiacca1 ottobre 2012 alle 11.33

ciao nono ho scritto ultimamtnente perchp sono stata poco bnee nelle le nuove bz<rlzellette"!"!!!!

@ freeskipper

Per cambiare questa politica in cui i problemi sono strutturali, visto che pur cambiando le persone e la geografia i problemi restano, non bisogna puntare ad avere governanti diversi. Bisogna puntare al bersaglio giusto, ad un cambio strutturale. I problemi nascono perchè questa è una politica “dall’alto” e per investiture, che si fonda su un voto inteso come liceità a fare qualsiasi cosa e a creare clienti.
L’alternativa è una politica dal basso, a partire da ogni associazione di base e dai comuni, senza guide Grillesche (non ne abbiamo bisogno!), ma partendo dall’allargamento delle assemblee comunali, allargando tendenzialmente alla totalità della popolazione la possibilità decisionale e la conseguente responsabilità. Al governo per qualche anno riusciranno ancora a restare gli stessi. Ma tra poi diverranno inutili e fuori dal tempo, perchè non più necessari un una politica e in una società radicalmente cambiate. Una considerazione: nell”800 era considerata utopia l’idea di avere una repubblica, o di avere una sorta di democrazia nella società. La gente che credeva in questa “utopia” è riuscita ad ottenere qualcosa. Forse è il caso che anche noi cominciamo a guardare nel lungo termine e costruire una politica sociale diversa e “utopica”.

123 • BeBop2 ottobre 2012 alle 9.03

Arrestato Fiorito. Berlusconi telefona in questura: “Liberatelo, è il nipote di Bud Spencer.”

-cit

124 • pocchiacca2 ottobre 2012 alle 9.54

un ricchione chiede al bagnino bagnino cosa ce sotto la sabbia e il bagnino dice stocazzo e il ricchione allora scavo
mela publicate?
ciao

125 • Triskel2 ottobre 2012 alle 14.38

‘un ricchione chiede al bagnino bagnino cosa ce sotto la sabbia e il bagnino dice stocazzo e il ricchione allora scavo’

…è meravigliosa…ha la struttura e la profondità di un apologo zen…senza contare che l’assenza di punteggiatura rimanda a un flusso di coscienza joyciano…sono commosso

126 • Massimo2 ottobre 2012 alle 19.36

Nella Lega il Tesoriere sembrava uno della “Banda Bassotti” e la Rosi Mauro “Amalia”…
Nel PDL avevamo “Gambadilegno e Trudi”…
che dire di più?

128 • Federico Macci3 ottobre 2012 alle 9.23

Pagare alla romana significa dividere il conto in parti uguali. Nel caso si voglia dire ognuno paga il suo l’espressione corretta e’ pagare alla genovese.. un saluto a tutti

129 • pocchiacca3 ottobre 2012 alle 10.59

grazie triskel sono contento che ti sia piaciuta però non ho cfaptio tutto di quello che ai scriuttol……

131 • tar3 ottobre 2012 alle 11.34

La mamma di batman non vuole che il suo pupo lo lascino in prigione. Giusto, i ladri noi li facciamo ONOREVOLI LADRI!

132 • peterzest3 ottobre 2012 alle 16.24

Splendida opportunita` per cura dimagrante per
l`Onorevole. Il pignoramento del maltolto quando comincia? I contribuenti fiscali della regione Lazio aspettano il rimborso.
Rimborso Subito.

133 • Olifante3 ottobre 2012 alle 23.05

Bellissimo post, ma la battuta migliore per me è “allora famo alla romana”. Superbo

138 • pocchiacca4 ottobre 2012 alle 10.53

ma perchp non mi reisponde mai nessuno meno male che almeno triskel mi a risposoto

139 • pocchiacca4 ottobre 2012 alle 10.53

lo so che non scirivo bene ma non ho postutio studiare molto e poi vado sempre di fertta che ci sposos fasre??????

149 • pocchiacca5 ottobre 2012 alle 12.01

un nergro va all’università e il direttore gli chiede che ramo sceglie e i l negro ma paerche non pososo avere un banco come tutti iilgi altgri???

La Giovane Italia s’è desta: “Nessuna fiducia nella casta”!

L’Italia che lavora, che studia, che produce e che paga le tasse più alte d’Europa a fronte dei salari e dei servizi più scarsi del Vecchio continente, non ci sta a pagare di tasca propria e sulla propria pelle un debito pubblico contratto dalla malapolitica e dalle banche! La “Giovane Italia”, quella degli studenti, scende in piazza ad esprimere tutto il proprio malessere! Comincia così l’autunestano caldo delle proteste studentesche con scontri e tafferugli nelle strade, tra cariche della polizia e lanci di fumogeni. Da Roma a Milano, da Torino a Palermo, da Napoli a Livorno il copione è sempre lo stesso: gli studenti, soprattutto delle superiori oltre che dell’università, sfilano in corteo per protestare contro il caro-libri, le banche, la privatizzazione della scuola pubblica e la mercantilizzazione del sapere, ma soprattutto contro i tagli indiscriminati che vanno a colpire sempre i più deboli!!! A Palermo tra gli applausi generali sono state simbolicamente bruciate un centinaio di tessere elettorali sotto lo striscione “Nessuna fiducia nella casta”. “E’ Il nostro modo di dire la nostra sulle elezioni regionali – dichiarano gli studenti del Coordinamento palermitano – ennesima vuota passerella di politici che andrà a riscaldare le poltrone del parlamento regionale senza produrre altro che tagli per il mondo della formazione e sacrifici per i più deboli, mentre per loro aumenteranno sempre privilegi e vitalizi. Molti di noi quest’anno per la prima volta saranno chiamati ad esprimere un voto per le elezioni siciliane. Ecco allora il nostro modo di fare capire che se ne devono andare tutti a casa perché la crisi hanno contribuito a crearla loro politici di tutti i colori. Bisogna rimettere al centro la scuola e invitiamo non solo gli studenti che lo hanno fatto oggi ma tutti i siciliani a scendere in piazza per bloccare l’austerità e le politiche di rigore”.

Crolla il potere d’acquisto delle famiglie.

Secondo l’Istat nel 2012 il potere d’acquisto delle famiglie consumatrici, tenuto conto dell’inflazione, si sarebbe ridotto dell’1,6% rispetto al trimestre precedente e del 4,1% rispetto al secondo trimestre 2011.
Secondo le famiglie italiane, invece, che si confrontano tutti i giorni con supermercati, bollette e carburanti, il potere d’acquisto si è letteralmente dimezzato da quando, con l’entrata in vigore dell’euro, i salari sono stati dimezzati applicando lo scellerato tasso di conversione di 1.936,27 lire italiane per 1 euro. Lo stipendio, di un lavoratore dipendente, da un milione e mezzo di lire è stato portato di botto a settecento euro! Così per tutti, ma non per “loro”. Lo stipendio di un parlamentare, infatti, si è assestato intorno ai 20mila euro al mese!

Sempre secondo l’Istat nel 2012 la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici, misurata al netto della stagionalità, sarebbe stata pari all’8,1%, con una diminuzione di 0,6 punti percentuali rispetto al trimestre precedente e di 0,5 punti rispetto allo stesso periodo 2011.
Secondo le famiglie italiane, invece, che fino a qualche anno fa avevano problemi ad arrivare a fine mese e sono arrivate ad oggi senza sapere come iniziarlo, quel che si riesce a mettere da parte è solo l’amarezza e l’indignazione di vedere un Paese tanto bello e così ricco di storia, di arte e di cultura, rovinato in questo modo scellerato dalla malapolitica degli scandali e delle furfanterie! Crolla il potere d’acquisto delle famiglie. Crolla la fiducia nei politici. Crolla la stima nelle istituzioni. Crolla tutto, ma non “loro”! Diamogli una mano a farsi da parte.

158 • Triskel9 ottobre 2012 alle 14.51

Freeskipper,
credo di interpretare un pensiero diffuso segnalandoti che sarebbe più adeguato se riversassi il tuo livore in un apposito blog creato da te medesimo, che noi potremmo eventualmente consultare quando decidessimo di passare dalla levità della satira alla pesantezza dell’ardore forcaiolo da bar dello sport.
Con simpatia!

162 • Andrea10 ottobre 2012 alle 23.39

Bellissima tutta, con alcune perle … La migliore d’alema vestito da Pirro.

Il giorno che l Italia diventerà un paese normale sarete tutti disoccupati :)

Approvata la legge di stabilità… la “loro” stabilità!!!

La coperta dell’economia italiana è una “copertina”! Troppo corta per starci tutti!!! Se ti copre fino alla testa ti lascia impietosamente con i piedi di fuori e viceversa. Comunque la cosa davvero importante è che “loro” stiano sempre al caldo e ben coperti! Eccola allora servita l’ennesima fregatura del governo Monti: l’Iva aumenterà. I prof ci hanno fregato ancora una volta, del resto hanno studiato una vita per arrivare a certe soluzioni! Il “contentino” dato agli italiani è la riduzione dell’Irpef sui redditi bassi (dal 23% al 22% e dal 27% al 26%). Un risparmio minimo per gli italiani che, invece, dal luglio 2013 si troveranno davanti ad un aumento dell’Iva che si tradurrà in un ulteriore aumento dei prezzi. L’aliquota passerà dal 10 all’11% e dal 21 al 22%! Non occorre essere dei professori plurilaureati per fare due conti e scoprire che il risparmio per la riduzione delle aliquote si traduce in soli 21,5 euro al mese, una cifra più bassa rispetto a quanto sborseremo per l’aumento dell’Iva. Non è possibile fare calcoli precisi perché l’aumento dipende, ovviamente, dal bene che si acquista ma, partendo dai dati Istat sui consumi medi di una famiglia italiana, risulta che il rincaro è pari a 23,1 euro al mese. Quasi due euro in più rispetto al risparmio legato al taglio dell’Irpef. E Confesercenti denuncia che “se, da un lato, le famiglie potrebbero beneficiare in media di circa 200 euro dal taglio Irpef dall’altro, a parità di consumi, dovranno sborsarne circa 264 in più in virtù dell’aumento Iva.”! Ma la legge di Stabilità contiene tante altre “sorprese” per i “soliti noti”!!!

166 • Triskel11 ottobre 2012 alle 13.39

E freeskipper stabilisce il record di “virgolette” in un solo post!! Congratulazioni!!

167 • Banda della Bandana13 ottobre 2012 alle 11.04

Nel blog di freeskipper ci sono anche ottimi consigli per combattere la cellulite.
Vi consiglio di andarci… E lo consiglio anche a lui.

168 • Anonimo14 ottobre 2012 alle 17.04

Sono un vostro fan, non ho Twitter e non so come mandarvi questa battuta: l’ho inventata io e ve la regalo.

Polizia indegna! I bambini di 10 anni non andrebbero mai trascinati per terra. Andrebbero ammanettati e, se del caso, colpiti con manganello o spray urticante.

171 • viviana15 ottobre 2012 alle 6.33

Qualcuno si ricorda, per favore, come si chiamava il tizio che impestava con poesie satiriche logorroiche di pessima qualità?
E’ ricomparso sul blog di Grillo e Il fatto quotidiano fingendo di essere la propria moglie e tranciando, con questo espediente, entusiastiche lodi di se stesso. Temo all’idea di quello che potrà spammare

172 • Davide15 ottobre 2012 alle 9.16

Sembra che all’esclamazione “Domani facciamo una festa stratosferica!” per celebrare l’impresa, Baumgartner abbia risposto: “Magari faccio un salto!”

173 • Anonimo16 ottobre 2012 alle 14.42

@fede70: si chiama “sarcasmo”, se non lo capisci, forse non dovresti leggere “Spinoza”… ;-)

@Triskel: vada per i 10 euro, se cortesemente mi indichi il tuo IBAN, ti mando opportuno bonifico.

Peccato per la caduta di stile sui “travestiti”: davvero gli Italiani ancora sono confusi su “cosa” sia una donna transessuale e ancora pensano che sia una specie di teatrante da baraccone, che si “travesta”? La battuta è grettamente transfobica più che satira.