Spinoza

Un blog serissimo.

Io sono leggenda



イノキーズ, originally uploaded by f//.

Il nostro inviato a Tokyo.
Fotografato insieme all’unico, inimitabile, Antonio Inoki, idolo dell’infanzia di una generazione.
E a proposito: chissà che fine ha fatto Tony Fusaro.

Commenti

31 gennaio 2006 • 21 commenti

Feed dei commenti a questo post. Sia i commenti che i ping sono chiusi.

21 commenti a “Io sono leggenda”

sarai troppo giovane per ricordarti di telestudio e euroTV, con gli incontri di catch giapponese. antonio inoki, andré the giant, tiger mask, che ricordi! :)

Vorrei che fosse vero perchè te sei davvero troppo in là con gli anni ma ahimè semplicemente io guardavo altro anche se su telestudio ci seguivo Jattaman e Sampei mi pare :-)

lo so, cazzarola, sei te che non sai leggere! te guardavi i tuoi cartoni al pomeriggio, io guardavo il catch la sera con i nonni!
:-P

ah ecco perché questi tipi facevano catch? ma se non lo spieghi cosa vuoi da me! ti ho detto che non sapevo chi fossero, mai coperti! .-)

Cavolo un cavolo, non ho la minima idea di chi sia! :-)
Comunque, se questo facevo sti programmi venti anni fa più o meno dovrebbe avere almeno 50 anni, pare giovane, sicuri che sia lui? :-)

esto es un dubio che me son posto anch’io, ma poi ero tropo cuntento de veerlo così en forma mio amigo antonio che me son pasati tuti i dubi!

A prima vista sembra un tantino troppo giovane per esserlo veramente. Probabilmente si tratta di un sosia. Cercando le immagini attuali del mitico campione, Antonio Inoki appare visibilmente con qualche anno in più. Certo la rassomiglianza è piacevole.

Quanti ricordi, però, eh? :D
Spendo altre due righe sul catch femminile ricordando la grande immensa inimitabile Monster Lipper (o come si chiamava).

basta, adesso mi direte che non esiste Babbo Natale! Non potete! Non potete!

(tra l’altro, mi sembra che la somiglianza non sia neanche troppo spiccata, ma non dirlo a seia ;) )

seia, ma no! :D
A volte il catch femminile si trasformava in una sorta di noiosa lotta a terra (senza avere il fascino, a mio parere, della lotta intesa come sport).

Eìo, si vede proprio che siamo di un’altra generazione. E ce lo dicono pure in faccia :D DD

mah, a me pare che seia sia proprio della mia generazione, anche se probabilmente vive su un altro pianeta :)

in ogni caso, io trovavo noiosissimo il catch femminile (mi ricordo soltanto di una certa Mimì Agiwara, quasi omonima della protagonista di un cartone sulla pallavolo) ma mi appassionavo abbastanza a quello maschile. i nonni si appassionavano a tutti e due :)

A parte che io sono più giovane di te caro eio e un anno è quasi una generazione a volte! E poi ti sembro tipo da catch??? :-)

hey Danser,
sai davvero che fine ha fatto il mitico Tony Fusaro?

Ci sono un sacco di appassionati del catch e dei vecchi cartoni giapponesi che si chiedono da anni dove sia Fusaro e cosa faccia….